Diritto e Fisco | Editoriale

Come non perdere la garanzia sull’auto nuova

10 luglio 2018


Come non perdere la garanzia sull’auto nuova

> Diritto e Fisco Pubblicato il 10 luglio 2018



Gps con antifurto satellitare e scatola nera, così come il montaggio di un park assist, fanno risparmiare sui costi della polizza assicurativa: ma attento a non perdere la garanzia sul nuovo.

La fretta è cattiva consigliera. Specie quando si è acquistata da poco un’auto nuova, ancora in garanzia. Il tuo assicuratore ti ha promesso sconti sulla polizza rc auto a condizione però che, sulla macchina, venga montato un antifurto satellitare e una scatola nera. Questi dispositivi terranno lontani i ladri e garantiranno, in caso di incidente stradale, una facile ricostruzione della dinamica e delle rispettive responsabilità. Il che ti consente di godere anche di una decurtazione del premio sull’assicurazione annuale. Senonché la tua automobile è uscita dalla concessionaria qualche mese fa e non vuoi che l’intervento all’impianto elettrico possa compromettere la garanzia di due anni che la casa produttrice è tenuta a fornirti per legge, cosa che di solito succede tutte le volte in cui si fa un intervento non autorizzato dalla casa madre. Che fai? In questo articolo cercheremo di darti qualche consiglio a riguardo per non trovarti, in caso di un guasto al veicolo, con la triste sorpresa di non poter ottenere la riparazione gratuita. Vediamo dunque come non perdere la garanzia sull’auto nuova.

Tanti possessori di auto di fresca immatricolazione non ci pensano due volte: attratti dalle promesse dell’assicuratore, “distratti” dalle esigenze di risparmiare qualche centinaia (a volte solo decine) di euro, scelgono di montare sulla macchina alcuni accessori disponibili in aftermarket. Così facendo ignorano però il rischio economico di invalidare in tutto o in parte la garanzia sull’intera vettura. Un rischio non troppo remoto: oggi le vetture sono sempre più sofisticate e per questo i costruttori hanno ancor più interesse e motivazioni, che in passato, a non riconoscere la garanzia quando riscontrano che sulla macchina sono stati effettuati interventi non specificamente autorizzati.

La prima cosa che devi fare per non perdere la garanzia sull’auto nuova è verificare se la casa di produzione ha vietato espressamente il montaggio di certi accessori. Per farlo devi controllare il libretto di uso e manutenzione della vettura, libretto che – per quanto noioso, lungo e a volte incomprensibile – dovrai leggere con attenzione. Se è presente il divieto di effettuare interventi non autorizzati, come appunto l’antifurto satellitare o la scatola nera, non potrai entrare nel merito della scelta operata dal costruttore e sul fatto che l’optional possa davvero costituire un pericolo per la macchina nuova: ciò che conta è il divieto, contro il quale non potrai opporre molte argomentazioni nell’ipotesi in cui tu debba fare una causa. 

In alternativa potresti presentare una richiesta alla casa produttrice in cui, dopo aver indicato il modello dell’optional che intendi installare, chiedi l’autorizzazione e l’assicurazione che ciò non implichi una decadenza della garanzia.

Il terzo consiglio per non perdere la garanzia sull’auto nuova è di acquistare e far installare il dispositivo dalla stessa concessionaria ufficiale di marca presso cui hai comprato il veicolo. È lui infatti che, essendo il venditore, è anche il soggetto tenuto per legge a prestarti la garanzia biennale (da non confondere con quella convenzionale prevista dalla casa costruttrice, che quasi sempre si sovrappone alla copertura legale ma di cui si potrebbe sempre essere costretti ad avvalersi in casi particolari come può essere questo). 

Probabilmente questa soluzione ti costerà di più rispetto al rivolgerti a una qualsiasi altra officina ma è meglio prendere questa precauzione e spendere qualcosa in più che poi trovarsi con l’auto nuova che non funziona e senza più la garanzia. Senza considerare le contestazioni e le relative spese: una lettera raccomandata di un legale costa qualche centinaio di euro e un patrocinio in tribunale di primo grado circa tremila euro, il doppio in appello.

In alternativa al concessionario, puoi individuare produttori rinomati con una propria rete ufficiale di installatori specializzati ai quali innanzitutto richiedere una dichiarazione che il congegno che verrà montato all’interno della tua macchina nuova non interferisce sull’impianto originale della vettura. In ogni caso, resta il fatto che se sul libretto è espresso il divieto di qualsiasi intervento non autorizzato ciò potrà ugualmente compromettere la garanzia.

Insomma, l’unico modo per stare certi di non perdere la garanzia di due anni e la riparazione gratuita del mezzo è di rivolgersi alla stessa concessionaria che ti ha venduto l’auto. 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI