Diritto e Fisco | Editoriale

Odontoiatra: basta la laurea in medicina?

10 luglio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 10 luglio 2018



Non basta la laurea in medicina per esercitare professionalmente l’odontoiatria, essendo invece necessario essere iscritti all’albo degli odontoiatri.

Da qualche anno sei amministratore e proprietario di una struttura sanitaria in cui eserciti la professione di odontoiatra. Visiti i pazienti, pratichi estrazioni e otturazioni, applichi capsule a fissaggio e ti occupi anche di implantologia. Ti sei laureato in medicina e hai proseguito la tua formazione con periodi di tirocinio pratico, corsi di aggiornamento e la frequenza di master attinenti alla branca odontoiatrica. Tuttavia non sei laureato in odontoiatria, non hai mai sostenuto l’esame di Stato previsto per gli odontoiatri e, di conseguenza, non sei iscritto al relativo albo professionale. Ti è venuto il dubbio che le tue qualifiche formali e le tue concrete capacità non siano sufficienti e pensi che questa situazione possa mettere a repentaglio la tua reputazione professionale e addirittura esporti a responsabilità penali. Ti può essere utile sapere che una situazione molto simile alla tua è stata analizzata e risolta in una recente sentenza della Corte di Cassazione [1]. Ma procediamo con ordine e vediamo se per fare l’odontoiatra basta la laurea in medicina.

Si può esercitare una professione per cui è richiesta un’abilitazione statale senza possederla?

Non si può esercitare una professione per la quale è necessaria un’abilitazione statale senza averla prima acquisita.

Un articolo del codice penale [2] punisce con la pena detentiva o, in alternativa, con la pena pecuniaria, chi esercita una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, senza averla conseguita.

Si tratta delle cosiddette “professioni protette”, cioè quelle che, essendo collegate a un interesse pubblico al loro corretto esercizio, possono essere esercitate solo da chi dispone di un’adeguata formazione accademica e professionale che sia stata verificata da una commissione di esperti qualificati mediante un esame di Stato. Questo principio è tanto importante da essere affermato anche dalla nostra Costituzione [3].

Esiste sicuramente un elevato interesse individuale e pubblico alla salute [4] e per questa ragione quasi tutte le professioni che comportano attività curative rientrano tra quelle protette e sono riservate in via esclusiva a coloro che dispongono della relativa abilitazione.

Quand’è che l’esercizio di una professione protetta è abusivo?

Si può parlare di esercizio abusivo di una professione protetta quando chi la esercita non ha i titoli formali richiesti dalla legge (ad esempio la laurea in giurisprudenza per gli avvocati) o non ha svolto il richiesto periodo di pratica professionale o non ha svolto o non ha superato l’esame di Stato o, dopo averlo superato, non si è iscritto all’ordine competente, oppure infine chi, pur disponendo di tutti questi richiesti, li ha successivamente persi in tutto o in parte (ad esempio, venendo sospeso o radiato dall’ordine di appartenenza per ragioni disciplinari).

La professione di odontoiatra richiede il possesso di un’abilitazione?

La professione odontoiatrica richiede un’abilitazione: una legge dello Stato [5] stabilisce che essa può essere esercitata solo da coloro che sono in possesso del diploma di laurea in odontoiatria e protesi dentaria e della relativa abilitazione all’esercizio professionale, conseguita a seguito del superamento di un apposito esame di Stato.

I laureati in medicina possono essere iscritti all’albo degli odontoiatri?

I laureati in medicina possono essere iscritti all’albo degli odontoiatri ma solo a determinate condizioni.

La legge citata nel paragrafo precedente ha concesso questa facoltà ai:

  1. medici chirurghi immatricolati al relativo corso di laurea prima del 28 gennaio 1980;
  2. medici chirurghi immatricolati al relativo corso di laurea negli anni accademici compresi tra il 1980/1981 e il 1984/1985 che abbiano superato le prove attitudinali per l’iscrizione all’albo degli odontoiatri;
  3. medici chirurghi specialisti in campo odontoiatrico immatricolati negli stessi anni accademici indicati nella lettera b), i quali sono esonerati dalle predette prove attitudinali.

Non possono invece esercitare la professione odontoiatrica i medici chirurghi che non rientrino in nessuno dei casi elencati anche se abbiano acquisito un’apprezzabile formazione conseguita tramite la frequenza di stage e master e poi consolidata attraverso la pratica.

Gli specialisti di chirurgia maxillo-facciale possono iscriversi all’albo degli odontoiatri?

I medici che hanno acquisito la specializzazione in chirurgia maxillo-facciale non hanno diritto di essere iscritti all’albo degli odontoiatri se non hanno i requisiti previsti specificamente per l’accesso alla professione di odontoiatra.

Lo ha stabilito una nota del Ministero della Salute [6].

E quindi?

Conosci il mestiere dell’odontoiatra e sai farlo bene, ma ti sei iscritto alla facoltà di medicina e chirurgia dopo il 1985, non hai conseguito alcuna specializzazione di tipo odontoiatrico, non ha conseguito la laurea in odontoiatria.

Purtroppo, non hai diritto di essere iscritto all’albo degli odontoiatri, non puoi esercitare la professione che ti consideravi legittimato a svolgere e, di conseguenza, corri il rischio di essere incriminato per il reato di esercizio abusivo di una professione.

Vincenzo G. Giglio

note

[1] Cass. sent. 2691/2018 del 22.01.2018

[2] Art. 348 cod. pen.

[3] Art. 33 co. 5 Cost.

[4] Art. 32 co. 1 Cost.

[5] Legge 24 luglio 1985 n. 409 e successive modifiche

[6] Ministero della salute, direzione generale delle risorse umane delle professioni sanitarie, dicembre 2009

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI