Diritto e Fisco | Editoriale

Gratuito patrocinio: copre le spese di trasferta?

10 luglio 2018


Gratuito patrocinio: copre le spese di trasferta?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 10 luglio 2018



Le spese di viaggio vengono rimborsate dallo Stato? L’avvocato può chiedere al proprio cliente una somma per coprire la trasferta?

Quando ti è stato detto che potevi accedere al gratuito patrocinio ed avere un’assistenza gratuita in tribunale, non hai avuto dubbi a nominare il tuo avvocato di fiducia, quello che già in passato ti aveva aiutato a sbrogliare alcune faccende personali. Ed ora che le cose si fanno più serie e c’è bisogno di andare in causa, chi meglio di lui ti può difendere? Senonché il processo si terrà in una città lontana sia dalla tua casa che dal suo studio. Il che ti pone davanti a due interrogativi: si può nominare un avvocato che opera in una provincia differente da quella del giudice competente? E, in caso positivo: il gratuito patrocinio copre le spese di trasferta?

La questione non è di poco conto visto che l’avvocato dovrebbe spostarsi in auto o in aereo e di certo non ti puoi permettere di pagargli i viaggi. Né credi che lui sia disposto a farli gratuitamente, tenendo conto dell’esiguo compenso che lo Stato paga per il gratuito patrocinio.

Sul punto è intervenuta la Cassazione con una ordinanza di qualche giorno fa [1]. La Corte ha deciso un caso del tutto simile al tuo problema, andando a spiegare cosa copre il gratuito patrocinio e se, nella parcella pagata dal ministero, sono compresi anche i costi di eventuali viaggi, la benzina, il vitto e l’alloggio.

Gratuito patrocinio: chi ne ha diritto?

Prima di spiegare se il gratuito patrocinio copre le spese di trasferta, ricordiamo schematicamente in cosa consiste questo beneficio. Chi ha un reddito non superiore a  11.493,82 euro, sommato a quello dei familiari conviventi, può nominare un avvocato il quale, a termine del processo, sarà pagato dallo Stato. Ecco perché il gratuito patrocinio viene anche chiamato «patrocinio a spese dello Stato».

Possono beneficiare del gratuito patrocinio:

  • il cittadino italiano;
  • lo straniero e l’apolide regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale al momento del sorgere del rapporto o del fatto oggetto del processo da instaurare;
  • gli enti o associazioni che non perseguono scopi di lucro e non esercitano attività economica.

Quando si ha diritto al gratuito patrocinio?

Non c’è solo il limite del reddito a costituire un filtro alla richiesta di gratuito patrocinio. Il diritto vantato dal beneficiario deve essere ritenuto meritevole e non manifestamente infondato. In pratica, non è possibile il gratuito patrocinio per le cause temerarie, quelle cioè perse in partenza.

Per quali cause si può avere il gratuito patrocinio?

Il gratuito patrocinio si può avere per qualsiasi tipo di causa: civile, penale, amministrativa e tributaria. Inoltre la richiesta comprende ogni grado e fase del giudizio (quindi si può avere anche per l’appello, la Cassazione o per chi intende costituirsi in un processo già avviato). È possibile il gratuito patrocinio anche per la fase di mediazione obbligatoria.

Cosa comporta l’ammissione al gratuito patrocinio?

L’ammissione al patrocinio a spese dello Stato comporta:

  • la possibilità di nominare un avvocato di propria fiducia (non viene quindi scelto dallo Stato), purché iscritto negli appositi elenchi del Consiglio dell’ordine;
  • l’esenzione dal pagamento della parcella all’avvocato e delle spese relative a tasse, bolli e diritti di cancelleria.

Cosa copre il gratuito patrocinio?

Più nel dettaglio, chi viene ammesso al gratuito patrocinio non deve pagare l’onorario del proprio avvocato il quale sarà retribuito dallo Stato alla fine del processo. Tuttavia, se perde il giudizio e il giudice decide di condannare la parte ammessa al beneficio a rimborsare le spese legali dell’avversario, queste non sono coperte dal gratuito patrocinio, per cui andranno a gravare sul soggetto che ha avviato una causa senza che ve ne fossero i presupposti.

In più il gratuito patrocinio copre il pagamento del cosiddetto contributo unificato, la tassa che si versa allo Stato all’inizio del processo. Insieme ad essa sono esenti tutte le spese di notifica, la richiesta di copie e la tassa di registrazione della sentenza.

Nel gratuito patrocinio rientra il compenso al consulente tecnico d’ufficio (CTU) ossia il perito nominato dal giudice. Non vi rientra invece il perito di parte.

Infine, il gratuito patrocinio copre le spese per la pubblicità legale dei provvedimenti del magistrato.

Cosa non copre il gratuito patrocinio?

Il gratuito patrocinio non copre tutta l’attività di consulenza stragiudiziale fatta dall’avvocato (quella anteriore alla causa) e, come detto, la condanna alle spese processuali in caso di soccombenza.

Si può nominare un avvocato di un altro distretto?

Secondo la Cassazione è possibile nominare, per il gratuito patrocinio, un avvocato di un distretto diverso da quello della Corte ove si deve svolgere il processo. Non è necessario quindi nominare un avvocato dello stesso foro del tribunale ove si tiene la causa, ben potendo questi avere lo studio in un’altra località.

Se così stanno le cose, chi sostiene le spese di trasferta dell’avvocato?

Le spese di trasferta dell’avvocato rientrano nel gratuito patrocinio?

Veniamo infine al problema centrale di questo articolo: chi paga le spese di viaggio all’avvocato? Non certo lo Stato. Difatti, secondo la sentenza in commento, tali costi non rientrano nel gratuito patrocinio. Per cui o li sopporta l’avvocato o, in teoria, il cliente. Ma qui viene la parte dolente. Per legge (e deontologia), l’avvocato non può chiedere al proprio assistito ammesso al gratuito patrocinio nessuna somma, neanche a titolo di rimborso spese. Il che significa che la trasferta è a carico del legale che accetta l’incarico col gratuito patrocinio.

note

[1] Cass. ord. n. 17656/18 del 5.07.2018.

Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza 8 marzo – 5 luglio 2018, n. 17656

Presidente Manna – Relatore Cavallari

Motivi in fatto e diritto della decisione

Con atto depositato il 16 settembre 2009 l’Avv. F.L. ha proposto al GUP del Tribunale di Taranto istanza di liquidazione del compenso a lui spettante per l’attività difensiva svolta nell’interesse di S.E. .

Con decreto del 24 marzo 2010 il giudice adito ha liquidato l’importo di Euro 3.350,00, oltre ad una somma ulteriore per il consulente di parte.

F.L. ha proposto opposizione contro il summenzionato decreto.

Con decreto del 3 settembre 2013 il Presidente del Tribunale di Taranto ha in parte accolto l’opposizione, riconoscendo l’ammontare di Euro 12.480,00 a titolo di onorario del difensore e di Euro 1.000,00, per spese di consulenza di parte.

F.L. ha proposto ricorso per cassazione sulla base di quattro motivi.

Il Ministero della Giustizia ha depositato “atto di discussione per la partecipazione alla discussione orale”.

1. Con i quattro motivi di ricorso, che possono essere trattati congiuntamente stante la stretta connessione, F.L. lamenta la violazione o falsa applicazione degli articoli 80, 82, 83 e 102 del d.P.R. n. 115 del 2002.

Innanzitutto, egli contesta il fatto che il Presidente del Tribunale di Taranto non abbia riconosciuto in suo favore le spese ed indennità relative all’accesso al carcere di Augusta, ove il suo assistito era detenuto, nonostante gli esborsi sostenuti fossero stati inferiori a quelli che un difensore iscritto all’albo di Taranto, Brindisi o Lecce avrebbe dovuto, comunque, affrontare e che sarebbero stati rimborsati per legge.

Inoltre, il ricorrente si duole della circostanza che non siano state liquidate le spese che avrebbero dovuto essere in ogni caso ammesse con riferimento all’attività svolta all’interno del distretto interessato da un avvocato del luogo.

F.L. contesta, altresì, il mancato riconoscimento degli esborsi affrontati per inviare le informative ed il rigetto della richiesta di pagare le somme spettanti all’avvocato domiciliatario ed al consulente di parte direttamente a questi ultimi.

Infine, il ricorrente lamenta la modestia del compenso riconosciuto al consulente di parte

I motivi sono infondati.

Ai sensi dell’articolo 82 del d.P.R. n. 115 del 2002 “L’onorario e le spese spettanti al difensore sono liquidati dall’autorità giudiziaria con decreto di pagamento, osservando la tariffa professionale in modo che, in ogni caso, non risultino superiori ai valori medi delle tariffe professionali vigenti relative ad onorari, diritti ed indennità, tenuto conto della natura dell’impegno professionale, in relazione all’incidenza degli atti assunti rispetto alla posizione processuale della persona difesa.

Nel caso in cui il difensore nominato dall’interessato sia iscritto in un elenco degli avvocati di un distretto di corte d’appello diverso da quello in cui ha sede il magistrato competente a conoscere del merito o il magistrato davanti al quale pende il processo, non sono dovute le spese e le indennità di trasferta previste dalla tariffa professionale”.

L’articolo 102 del d.P.R. n. 115 del 2002 prescrive, invece, che “Chi è ammesso al patrocinio può nominare un consulente tecnico di parte residente nel distretto di corte di appello nel quale pende il processo.

Il consulente tecnico nominato ai sensi del comma 1 può essere scelto anche al di fuori del distretto di corte di appello nel quale pende il processo, ma in tale caso non sono dovute le spese e le indennità di trasferta previste dalle tariffe professionali”.

Queste disposizioni sono chiare nel riconoscere al soggetto ammesso al patrocinio a spese dello Stato il diritto di nominare un difensore ed un consulente di parte che non operino all’interno del distretto di corte di appello ove è in corso il giudizio, ma, al contempo, stabiliscono che tale patrocinio non copre alcuni oneri, nello specifico “le spese e le indennità di trasferta previste dalla tariffa professionale” (per l’affermazione di un principio simile, pur se nella vigenza del testo previgente del decreto de quo: Cass., Sez. 3, n. 22178 del 20 ottobre 2009).

Si tratta di previsioni esplicite e di portata generale, dettate per esigenze di contenimento della spesa pubblica e che contemperano in maniera ragionevole questo interesse con il diritto del singolo a scegliere liberamente il proprio difensore.

Non può trovare, quindi, accoglimento la richiesta del ricorrente di riconoscere il rimborso delle spese sostenute per l’accesso al carcere di Augusta perché inferiori a quelle che avrebbe affrontato un difensore iscritto all’albo di Taranto, Brindisi o Lecce, considerato che, in tal modo, la normativa summenzionata sarebbe aggirata e sostanzialmente disapplicata, dovendosi ritenere che il legislatore abbia voluto privilegiare, nella sua discrezionalità, gli avvocati del distretto ove si procede sulla base di una presunzione assoluta e non sindacabile di maggiore sostenibilità dei relativi costi per l’Erario.

D’altronde, è una mera ipotesi di F.L. che eventuali professionisti pugliesi avrebbero pagato le somme dallo stesso ipotizzate muovendosi con le modalità da lui individuate.

Deve pure escludersi il rimborso delle spese che avrebbe sostenuto per spostarsi un professionista del distretto in questione poiché, così facendo, si accoglierebbe una istanza di riconoscimento parziale di esborsi che l’articolo 82 del d.P.R. n. 115 del 2002 vieta siano posti a carico dello Stato.

Quanto alla contestazione concernente il mancato riconoscimento delle spese affrontate per inviare le informative, si osserva che la liquidazione effettuata dal Presidente del Tribunale di Taranto è, con evidenza, omnicomprensiva di ogni profilo riguardante le stesse e, dunque, pure delle spese de quibus.

Non ha pregio neppure la critica al rigetto della richiesta di pagare le somme spettanti all’avvocato domiciliatario ed al consulente di parte direttamente a questi ultimi.

Infatti, l’articolo 91 del d.P.R. n. 115 del 2002 stabilisce l’incompatibilità fra l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato e il fatto di essere assistiti da più di un difensore, con la conseguenza che, quindi, il diritto al compenso spetta solo all’unico avvocato del soggetto interessato. Tale avvocato, perciò, diviene il soggetto titolato in via esclusiva ad interagire con la Pubblica Amministrazione con riferimento a tutti i profili che interessano il suddetto patrocinio a spese dello Stato.

Infine, la doglianza relativa alla modestia del compenso riconosciuto al consulente di parte si presenta inammissibile perché generica e in quanto il ricorrente non ha precisato che l’importo attribuito sia inferiore ai minimi previsti dalla legge.

2. Il ricorso va, pertanto, rigettato.

3. Alcuna statuizione deve essere assunta sulle spese di lite, non avendo il Ministero della Giustizia svolto idonea attività difensiva.

Sussistono le condizioni per dare atto, ai sensi dell’articolo 1, comma 17, legge 24 dicembre 2012, n. 228, che ha aggiunto il comma 1-quater all’articolo 13 del d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, dell’obbligo di versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per l’impugnazione integralmente rigettata, trattandosi di ricorso per cassazione la cui notifica si è perfezionata successivamente alla data del 30 gennaio 2013 (Cass., Sez. 6 – 3, sentenza n. 14515 del 10 luglio 2015).

P.Q.M.

La Corte:

– rigetta il ricorso;

– ai sensi dell’articolo 13, comma 1-quater, d.P.R. n. 115 del 2002, inserito dall’articolo 1, comma 17, legge n. 228 del 2012, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI