Diritto e Fisco | Articoli

Agevolazioni per il lavoratore che dall’estero rientra in Italia

21 Luglio 2018
Agevolazioni per il lavoratore che dall’estero rientra in Italia

Ho 47 anni, sono ingegnere e dal 2012 mi sono trasferito con la mia famiglia in Norvegia e poi in Olanda. Lavoro in area strategia in una società belga anche se vivo in Olanda. A quale agevolazione fiscale ho diritto se ritorno in Italia? Quale ruolo avrà il mio futuro datore di lavoro in tutto questo? 

Se il lettore rientra a lavorare in Italia, spostando la sua residenza fiscale sul territorio italiano dopo averla trasferita all’estero (con iscrizione all’Aire), avrà diritto ad un’agevolazione fiscale Irpef, consistente nella riduzione del 50% della base imponibile (cioè del reddito). Se, per esempio, in Italia guadagna 1.000, l’aliquota Irpef sarà applicata su 500 e non sull’intero reddito. 

Affinché sia possibile beneficiare della tassazione agevolata, come lavoratore laureato, occorre l’aver svolto continuativamente attività di lavoro (dipendente, autonomo o di impresa) fuori dall’Italia negli ultimi 24 mesi. È sufficiente che l’interessato, prima di rientrare in Italia, abbia svolto tali attività all’estero per un periodo minimo e ininterrotto di almeno 24 mesi, non necessariamente nei due anni immediatamente antecedenti il suo rientro. Nel caso di specie, tale requisito è rispettato. 

L’agevolazione spetta a partire dall’anno in cui avviene il trasferimento della residenza fiscale in Italia e per i 4 anni successivi. 

Il datore di lavoro italiano assumerà un ruolo fondamentale ai fini del beneficio fiscale in busta paga in quanto occorre comunicargli che, poiché il lettore è lavoratore rimpatriato, ha diritto all’agevolazione dal periodo di paga successivo alla richiesta e, in sede di conguaglio, dalla data dell’assunzione, mediante applicazione delle ritenute sull’imponibile ridotto del 50%, al quale saranno commisurate le relative detrazioni. 

In particolare, per accedere al beneficio, il lettore dovrà presentare al datore italiano una dichiarazione scritta contenente, oltre ai suoi dati anagrafici, 

– l’indicazione della data di rientro in Italia e della prima assunzione in Italia (in caso di assunzioni successive o più rapporti di lavoro dipendente) 

– la dichiarazione di possedere i requisiti previsti dal regime agevolativo di cui si chiede l’applicazione 

– l’indicazione dell’attuale residenza in Italia 

– l’impegno a comunicare tempestivamente ogni variazione della residenza prima del decorso del periodo minimo previsto dalla norma della quale si chiede la fruizione 

– la dichiarazione di non beneficiare contemporaneamente di altri incentivi fiscali. 

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Maria Monteleone



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube