Business | Articoli

Voluntary disclousure bis: scadenze e metodi di pagamento

14 Giugno 2017
Voluntary disclousure bis: scadenze e metodi di pagamento

Riapertura termini per l’accesso alla procedura di collaborazione volontaria per il rientro di capitali all’estero e non dichiarati.

La «voluntary disclosure bis»  rappresenta l’ultima occasione per il contribuente che abbia trasferito all’estero i propri capitali senza dichiararli alle autorità fiscali, di regolarizzare la propria posizione. L’Agenzia delle Entrate riapre per l’ultima volta – pare – i termini per permettere ai contribuenti di fare emergere le irregolarità: chi decide di rimediare spontaneamente alle omissioni e alle irregolarità commesse fino al 30 settembre 2016 avrà tempo fino al 31 luglio 2017. Inoltre per l’integrazione delle istanze, i documenti e le informazioni c’è tempo fino al 30 settembre 2017.

Riapertura dei termini: strategia internazionale antievasione

La riapertura dei termini per la regolarizzazione intende offrire anche un’ulteriore opportunità per la lotta all’evasione fiscale internazionale, una strategia questa che è stata particolarmente intensificata: si pensi all’impegno da parte delle Autorità fiscali dei Paesi più avanzati nell’elaborazione di strategie sempre più efficaci e condivise per contrastare gli illeciti tributari internazionali, o all’estensione della rete di accordi sullo scambio di informazioni in materia fiscale.

Novità lista Paesi per la voluntary disclosure

Tra le novità introdotte dalla normativa figura l’allungamento della lista dei Paesi per i quali risultano applicabili alcuni particolari benefici previsti dalla voluntary disclosure. In tale elenco oggi figurano anche Guernsey, Hong Kong, Isole Cayman, Isola di Man, Isole Cook, Jersey, Gibilterra. Per ulteriori informazioni consulta anche Voluntary bis al via: ecco come fare.

Nuove scadenze per la voluntary disclosure

I soggetti interessati potranno provvedere spontaneamente al versamento delle somme dovute, a titolo di imposte, sanzioni ed interessi, entro il 30 settembre 2017. È possibile ripartire il versamento anche in tre rate mensili di pari importo e che, in tal caso, il pagamento della prima rata deve essere effettuato comunque entro il 30 settembre 2017.

Voluntary disclosure: come calcolare le somme da versare

Per agevolare il calcolo delle somme da versare, l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione un applicativo che permette ai contribuenti che aderiscono alla procedura di collaborazione volontaria di calcolare autonomamente le somme dovute al Fisco. L’applicativo è disponibile sul sito ufficiale dell’Agenzia, nella sezione servizi fiscali online – senza registrazione. La procedura, oltre ad effettuare il calcolo delle somme dovute a titolo di sanzioni ed interessi, fornisce le informazioni necessarie per la compilazione del relativo modello di pagamento F24.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube