Business | Articoli

Facebook: presto notizie a pagamento

15 Giugno 2017
Facebook: presto notizie a pagamento

Verso la fine dell’anno Facebook potrebbe offrire la possibilità di potersi abbonare a servizi informativi a pagamento degli editori.

Il social network più cliccato del web sta lavorando ad una funzionalità che permetterà agli utenti di abbonarsi a giornali e riviste: la questione è al vaglio da tempo. Ma gli utenti di Facebook sono disposti a pagare per le notizie dei grandi giornali che ogni giorno leggono gratuitamente sulla piattaforma? Intanto, secondo il Wall Street Journal, il gigante dei social media starebbe creando una funzionalità, che consentirebbe agli utenti di sottoscrivere un abbonamento con gli editori direttamente dall’app mobile.

Si tratterebbe di una funzionalità richiesta proprio dagli editori che dovrebbe arrivare entro la fine del 2017: permetterà di pagare per le notizie (ri)pubblicate sulla piattaforma dai grandi giornali. Il sistema non garantirà un abbonamento all’intera pubblicazione, ma solo ai pezzi disponibili su Facebook come Instant Articles.

Facebook: solo un certo numero di notizie mensili gratuite

Secondo la fonte, la pubblicazione di contenuti d’informazione a pagamento dovrebbe dare la possibilità agli utenti di leggere gratuitamente un certo numero di notizie al mese prima che l’editore possa richiedere il pagamento del canone. Ma il nodo della questione è ancora in discussione: modalità di pagamento e percentuali. Al vaglio la possibilità che i media guadagnino l’intero importo a patto che concedano le informazioni sui pagamenti. Tanto che i grandi gruppi editoriali e il social network non hanno ancora trovato un accordo sui termini del servizio. Le trattative sono in corso.

Instant Articles

Facebook, sino ad ora, si era sempre opposto all’introduzione dei servizi informativi a pagamento tanto è vero che Instant Articles era nato proprio con lo scopo di informare direttamente gli utenti senza che fossero obbligati ad accedere ai portali degli editori. Ma un portavoce del social media ha confermato quello finora trapelato: «Stiamo lavorando con i nostri partner per comprendere i loro modelli di business ed esplorare strade che permettano loro di incanalare maggior valore da Facebook. Stiamo prendendoci il tempo che serve per comprendere in maniera approfondita i loro bisogni e i loro obiettivi».

Se si dovesse andare in questa direzione , si tratterebbe di un cambiamento storico per l’informazione digitale:  i pagamenti in-app per le notizie potrebbero aiutare soprattutto le pubblicazioni più piccole e regionali che ancora faticano a definire una strategia digitale di successo e per Facebook sarebbe inoltre un modo per concorrere con Google e Apple.

note

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA