HOME Articoli

Miscellanea Svolta storica negli USA: Obama firma contro l’uso indiscriminato delle armi

Miscellanea Pubblicato il 17 gennaio 2013

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 17 gennaio 2013

Barack Obama, l’uomo delle sfide e del “Yes we can”, questa volta dice NO alle armi! Al bando pistole automatiche, fucili d’assalto e caricatori con capienza maggiore a dieci proiettili.

Queste sono solo alcune delle nuove disposizioni annunciate poche ore fa dal Presidente degli Stati Uniti d’America che, in nome delle future generazioni, ha firmato 23 ordini esecutivi per contrastare la libera vendita delle armi ed introdurre controlli più severi [1].

Gran parte delle misure diverranno operative solo dietro voto favorevole del Congresso. Qui si giocherà la vera battaglia, in quanto luogo ove si raccolgono i principali interessi lobbystici. Ragion per cui il Presidente, di fronte al mondo intero e chiamando a testimone la Comunità internazionale, si è rivolto direttamente alla forze politiche statunitensi, chiedendo uno sforzo congiunto per la sicurezza dei propri compatrioti e, in particolare, dei minori, sempre più vittime delle violenze.

Così, mentre l’America sembra affacciarsi a una nuova era, la reazione delle industrie multinazionali delle armi è inferocita. Una voce per tutte è quella della National Rifle Association (NRA) che afferma “Sarà la guerra del secolo” ed ancora, rivolgendosi ai propri iscritti: “Non è per proteggere i bambini o per fermare i crimini. É per vietare le vostre armi”.

Ma Obama è già al secondo mandato e non ha bisogno di fare proselitismo e cercare ulteriori consensi politici…

note

[1] 1. Le agenzie federali renderanno disponibili informazioni rilevanti per il controllo sul passato di potenziali acquirenti di armi.
2. Verranno rimosse barriere legali, in modo particolare quelle legate alla legge nota come Health Insurance Portability and Accountability Act, che potrebbero impedire agli Stati di rendere disponibili informazioni per il sistema di controllo sul passato di potenziali acquirenti di armi.
3. Miglioreranno gli incentivi per gli Stati al fine di condividere informazioni utili per il sistema di controlli sul passato degli individui.
4. Il procuratore generale rivedrà le categorie di individui a cui è proibito il possesso di armi. L’obiettivo è evitare che persone pericolose possano sfruttare scorciatoie nel sistema.
5. L’amministrazione Obama proporrà leggi che permettano il controllo sul passato degli individui prima che le relative armi – precedentemente sequestrate – vengano a loro restitutite.
6. I distributori di armi da fuoco dotati di licenza federali riceveranno dal dipartimento ATF (Alcol, tabacco, firearms and explosives) istruzioni su come condurre controlli su rivenditori privati.
7. Verrà lanciata una campagna nazionale sul possesso sicuro e responsabile di armi.
8. Verranno rivisti gli standard sulle sicure delle armi (se ne occuperà la Consumer Product Safety Commission).
9. Il presidente Obama emetterà un Memorandum per richiedere alle forze chiamate a fare rispettare la legge di tenere traccia delle armi recuperate durante indagini penali.
10. Studi sulle armi perse o rubate verranno rilasciati e resi ampiamente accessibili alle forze dell’ordine.
11. Un direttore dell’ATF (Bureau of Alchol, tabacco, firearms and explosives) verrà nominato.
12. Attività formative verranno fornite ai responsabili delle scuole e alle forze dell’ordine per agire prontamente al verificarsi di sparatorie.
13. Rafforzare i tentativi per prevenire la violenza legata alle armi e per perseguire crimini ad essa legati.
14. Un Memorandum presidenziale darà l’incarico al Centers for Disease Control per ricercare le cause della violenza legata alle armi e per mettere a punto misure preventive.
15. Il procuratore generale sarà chiamato ad emettere un rapporto sulla disponibilità e l’uso più appropriato di tecnologie sulla sicurezza delle armi. Il settore privato è invitato a sviluppare tecnolgie innovative.
16. L’amministrazione Obama chiarisce che l’Affordable Care Act non proibisce ai dottori di chiedere ai loro pazienti informazioni in merito alle armi che possiedono nelle loro case.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI