Diritto e Fisco | Articoli

Mediaconciliazione: terreno di battaglia per la campagna elettorale

17 Gennaio 2013
Mediaconciliazione: terreno di battaglia per la campagna elettorale

La mediazione obbligatoria torna alla ribalta come programma elettorale dei partiti politici a caccia di voti.

Pd e Pdl non pensano a reintrodurre l’obbligatorietà del tentativo di mediazione, ma puntano comunque a riscrivere lo strumento di deflazione attraverso la previsione, per esempio, di incentivi.

Serve, però, maggiore qualità, affermano i politici. Gli organismi di mediazione devono effettivamente essere capaci di garantire un risultato utile. Saranno dunque necessari meccanismi sull’efficienza degli organismi che spingano gli utenti ad avvalersene.

I titolari degli organismi non possono sperare di ricevere clienti tranquillamente seduti sulle proprie poltrone.

Servizio offerto da METAPING

Articolo di Antonio D’Anna – Italia Oggi del 17.01.13 – pag. 36



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Migliorare la qualità cioè il “Libro verde del Ministero” che è una goccia nel mare della riforma di cui necessita l’Istituto della mediazione.

    Non solo ininfluente, è anche inutile poiché:

    * per quanto riguarda la qualità del servizio e dall’attività del mediatore spetterà alle Associazioni professionali degli stessi, in base all’art. 9 della nuova normativa sulle professioni non organizzate, collaborare: “ … all’elaborazione della normativa tecnica UNI relativa alle singole attività professionali, attraverso la partecipazione ai lavori degli specifici organi tecnici o inviando all’ente di normazione i propri contributi nella fase dell’inchiesta pubblica, al fine di garantire la massima consensualità, democraticità e trasparenza”, e vigilare sul rispetto della normativa stessa:

    * per quanto riguarda la qualità del servizio e dall’attività degli organismi serve in primis rendere maggiormente omogeneo il “procedimento di mediazione” e non come ora che ognuno fa veramente ciò che gli pare creando discrepanze, confusione e insoddisfazione.

    Non solo ininfluente, è anche pericoloso:
    poiché guardare la pagliuzza ci distoglie dal vedere la trave, ovvero da una riforma più amplia.

    I movimenti pro-mediazione chiedono ai politici di sposare la “condizione di procedibilità” attraverso un legge di riforma, vedere questa accolta dalla APMC e dal Forum dei mediatori:
    http://assomediatoricivili.altervista.org/legge-di-riforma.html

    Saluti a tutti.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube