Business | Articoli

Agenzia delle Entrate: regole rinvio versamenti Iva

24 Giugno 2017
Agenzia delle Entrate: regole rinvio versamenti Iva

Chiarimenti in materia di versamenti Iva da parte dell’Agenzia delle Entrate. Chi può fare il rinvio e qual è la nuova data di scadenza?

Sui versamenti Iva è l’Agenzia delle Entrate ha fornito i necessari chiarimenti in merito alle novità introdotte dal decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017 [1]: con una delle sue ultime risoluzioni [2] , l’Agenzia chiarisce tre temi particolarmente dibattuti in questi giorni: quali sono i soggetti che hanno la possibilità di far slittare il pagamento del saldo Iva al 30 giugno, la rateazione del debito Iva in caso di versamento differito e la compensazione con i crediti delle imposte dirette.

Chi può fare il rinvio?

Possono versare l’Iva oltre il 16 marzo, chiarisce l’Agenzia delle Entrate:

  • al 30 giugno per le ditte individuali e le società di persone, il cui esercizio d’imposta coincide con l’anno solare;
  • all’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza del termine di presentazione della dichiarazione, per le società o associazioni di cui all’articolo 5 del Tuir nei casi di liquidazione, trasformazione, fusione e scissione;
  • all’ultimo giorno del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta, ovvero all’ultimo giorno del mese successivo a quello di approvazione del bilancio, per chi approva il bilancio oltre quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio, per i soggetti Ires.

È confermata la possibilità di compensare il debito Iva con i crediti delle imposte dirette che emergono dalla dichiarazione annuale dei redditi e di applicare la maggiorazione dello 0,40% soltanto alla parte del debito non compensata.

Ulteriore differimento

Da ultimo, l’Agenzia chiarisce che è ammesso l’ulteriore differimento del versamento del saldo Iva al 30 luglio (per il 2017 la scadenza è fissata al 31 luglio poiché il 30 luglio cade di domenica). Pertanto, in conclusione, il versamento del saldo Iva può essere differito:

  • al 30 giugno, maggiorando le somme da versare (al netto delle compensazioni) dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo;
  • al 30 luglio, applicando sulla somma dovuta al 30 giugno (al netto delle compensazioni) l’ulteriore maggiorazione dello 0,40%. 

note

[1] DL n. 193/2016.

[2] Agenzia Entrate, ris. n. 73/E


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube