Diritto e Fisco | Articoli

Ostacoli sulla strada: non sempre il Comune risarcisce l’incidente

24 Gennaio 2013 | Autore:
Ostacoli sulla strada: non sempre il Comune risarcisce l’incidente

Il Comune non è responsabile per lo spartitraffico privo di colonna luminosa se il conducente vi va a sbattere a causa di una sua disattenzione.

La responsabilità del Comune per le cose in sua custodia sussiste solo quando il danno alle persone, a seguito di incidente stradale o altra insidia, sia derivato direttamente da esse [1]. Se invece l’incidente è derivato dalla condotta negligente del danneggiato la responsabilità dell’ente pubblico è esclusa.

Lo ha ribadito una recente sentenza della Corte di Cassazione [2] decidendo il caso di un automobilista schiantatosi contro uno spartitraffico non segnalato dall’apposita colonna luminosa, ma solo dalla striscia bianca continua. Secondo i giudici, il Comune, chiamato in giudizio dagli eredi dell’automobilista, non era tenuto al risarcimento poiché l’incidente era stato causato non dalla mancanza di segnaletica luminosa, bensì dalla negligenza del conducente che, se avesse proceduto a velocità moderata e fosse stato più attento, avrebbe visto lo spartitraffico.


L’automobilista che subisce un incidente può chiedere il risarcimento dei danni al Comune solo qualora il sinistro sia dipeso unicamente dall’ostacolo non segnalato presente sulla strada.

note

[1] Si richiede, cioè, la sussistenza del nesso causale tra il danno e le cose in custodia (per es. incidente causato da ostacoli non segnalati, da alberi non potati, da segnaletica poco visibile ecc.).

[2] Cass. sent. n. 20554/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube