Business | Articoli

Dichiarazione Redditi: chi deve presentarla e chi è esente

24 Giugno 2017
Dichiarazione Redditi: chi deve presentarla e chi è esente

Chi è obbligato alla presentazione della dichiarazione dei redditi? Entro quando? Tutte le scadenze per ogni tipologia di contribuente.

Si avvicina la scadenza della presentazione della dichiarazione dei redditi e molti contribuenti si chiedono chi è obbligato a presentarla e chi, invece, può evitarlo.

Che cos’è la dichiarazione dei redditi

La dichiarazione dei redditi è l’atto con il quale il contribuente mette a conoscenza il fisco dei propri redditi in relazione al periodo d’imposta dell’anno precedente. A seguito della dichiarazione dei redditi percepiti viene calcolata l’imposta dovuta all’agenzia delle entrate. L’obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi è esteso a tutti i contribuenti che nell’anno di imposta precedente hanno conseguito redditi e non rientrano nei casi di esonero previsti dalla legge scegliendo il modello più adatto alla propria situazione reddituale tra 730  e Modello Redditi (il modello che ha sostituito da quest’anno l’Unico).

 

Chi deve presentare la dichiarazione?

Per capire se si è obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi bisogna verificare i redditi percepiti nell’ anno di imposta precedente, e poi, in base a questi individuare il modello che deve essere presentato. Dunque il modello 730 va presentato da:

  • i titolari di partita Iva anche se non hanno prodotto redditi;
  • chi ha percepito redditi da lavoro dipendente percependo detrazioni o deduzioni non dovute;
  • chi ha cambiato sostituto di imposta nel corso dell’anno di imposta precedente ricevendo più di una Certificazione Unica;
  • chi ha percepito reddito da lavoro dipendente da un datore di lavoro che non agisce come sostituto di imposta;
  • chi ha percepito Naspi o altre indennità Inps su cui non siano state effettuate le dovute ritenute
  • chi ha percepito reddito con imposta applicata separatamente (Tfr, arretrati indennità per cessazioni cococo);
  • chi ha percepito reddito a titolo di plusvalenza;
  • chi ha percepito reddito da lavoro dipendente o assimilato senza detrazioni o trattenute per addizionali comunali e regionali Irpef.

Tutti coloro che non rientrano tra i soggetti obbligati, in ogni caso, possono presentare la dichiarazione dei redditi per recuperare spese sostenute durante l’anno detraibili o deducibili.

Dichiarazione dei redditi 2017, date e scadenze

Il modello 730 è il utilizzato per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti e pensionati. Esistono due tipologie di 730, il precompilato e l’ordinario. Vediamo quali sono le date utili per la presentazione di entrambi i modelli:

  • 7 luglio 2017 – Scadenza per l’invio all’Agenzia delle Entrate del modello 730/2017 per i contribuenti che si avvalgono dell’assistenza fiscale per la compilazione e/o l’invio e in particolare tramite: sostitui d’imposta che prestanno assistenza fiscale direttamente o tramite intermediari; caf e commercianti e intermediari abilitati.
  • 24 luglio 2017 – La proroga è valida solo nel caso si tratta di modello 730 precompilato e il contribuente lo invia autonomamente, oppure se l’invio del 730 (precompilato o ordinario) avviene tramite Caf o intermediario abilitato che alla data del 7 luglio abbia già trasmesso almeno l”80% delle dichiarazioni prese in carico.

Modello redditi persone fisiche 2017 

I contribuenti tenuti a presentare la dichiarazione dei redditi tramite modello Unico, quest’anno dovranno utilizzare il nuovo Modello Redditi PF 2017.  In questo caso le scadenze da ricordare sono:

  • 30 giugno 2017 – se il modello redditi viene inviato cartaceo tramite ufficio postale. Si tratta di una possibilità riservata ai contribuenti che pur possedendo i requisiti per utilizzare il modello 730 e non avendo un datore di lavoro o non essendo titolari di pensione, devono dichiarare redditi soggetti a tassazione separata e ad imposta sostitutiva nei quadri del modello Unico. Stessa situazione nel caso debbano presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti, o sono privi di un sostituto d’imposta a causa dell’interruzione del rapporto lavorativo o perché si trovano all’estero.
  • 30 settembre 2017 – nel caso in cui il Modello Redditi venga trasmesso per via telematica all’Agenzia delle Entrate utilizzando i servizi on line Fisconline ed Entratel, dopo aver effettuato la necessaria registrazione, o se il modello viene consegnato tramite intermediari autorizzati.redditi per recuperare spese sostenute durante l’anno detraibili o deducibili.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. volevo sapere se mio marito che percepisce la pensione e un reddito da lavoro , deve pagare le tasse sul cumulo dei due redditi .Spero in un chiarimento ,visto che nessuno mi chiarisce il dubbio

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube