Business | Articoli

Questionari della Guardia di finanza ai clienti dei professionisti

9 Agosto 2013
Questionari della Guardia di finanza ai clienti dei professionisti

Per la Guardia di Finanza formulari sostenuti da gravi indizi di irregolarità: i destinatari rischiano il favoreggiamento.

Rischiano una incriminazione per favoreggiamento i clienti di professionisti, commercianti e artigiani che non rispondono in modo corretto ai questionari inviati loro, in queste settimane, dalla Guardia di Finanza: ad essi, infatti, nell’ambito delle consuete attività ispettive nella lotta anti evasione [1], sono indirizzati dei formulari standard con richieste di chiarimenti in merito ai loro acquisti di beni o servizi. Ciò al fine di accertare eventuali evasioni, da parte dei professionisti, commercianti e artigiani, di base imponibile e di Iva su cui le Fiamme gialle già hanno già chiari indizi di irregolarità.

Per i clienti pertanto – alcuni dei quali vengono convocati in sede, con l’invito a rendere dichiarazioni veritiere – l’alternativa è obbligata: rivelare l’esatto importo delle prestazioni fatturate (sempre che lo siano state) e non incorrere in ulteriori fastidi; oppure tentare di difendere i dati formali del rapporto intrattenuto con l’imprenditore o il professionista, ma rischiando guai seri.

Infatti, qualora la Finanza dimostri la mendacità o la reticenza del cliente, scatta automatica la sanzione amministrativa da 258 a 2066 euro [2].

Tra l’altro, se è stato inviato un questionario è perché la Finanza ha già rilevato delle gravi anomalie e, quindi, ci sono consistenti sospetti di discrepanze tra gli estratti bancari e l’attività dedotta dalle acquisizioni di file dell’amministrazione dello studio o dell’impresa.

Se all’esito finale degli accertamenti il professionista o l’imprenditore scivoli complessivamente oltre la soglia penale della dichiarazione infedele (103.291 euro) , per i clienti “mendaci” scatta l’imputazione di favoreggiamento personale.


note

[1] Ex art. 32 del Dpr 600/1973.

[2] Art. 11 Dlgs 4571/1997.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube