Cultura e società | Articoli

Come avere notizie su antenati

30 luglio 2018


Come avere notizie su antenati

> Cultura e società Pubblicato il 30 luglio 2018



Vuoi sapere chi erano i tuoi antenati? Cosa facevano nella vita? O vuoi ricostruire l’albero genealogico della tua famiglia? Ecco i sistemi più utili e semplici per farlo!

Il tuo obiettivo è avere notizie su antenati o avi? Vuoi scoprire chi erano e cosa facevano? O magari vuoi ricostruire l’intero albero genealogico della tua famiglia? Bene, sappi che ci sono tanti strumenti per farlo. E anche se si tratta di una ricerca non facilissima, anzi, abbastanza complessa, ci sono buone possibilità di raccogliere un discreto numero di informazioni. Certo, serve un po’ di impegno, tempo e tanta pazienza, ma vedrai che, alla fine, raggiungerai i tuoi obiettivi! Sarà un lavoro duro che darà i suoi frutti, insomma. Un lavoro faticoso che, però, appagherà certamente le tue aspettative. Ecco dunque come avere notizie su antenati.

Quante volte, infatti, ti sei chiesto chi erano i tuoi antenati, cosa facevano e quanti figli avevano? O ancora, semplicemente, come si chiamavano i tuoi avi? E quante volte le ricerche che hai fatto, magari consultando parenti e familiari (in primis nonne, nonni, zii e via discorrendo), non hanno portato a grandi risultati? Tante, sicuramente!
E il problema, è facile intuirlo, è che nella stragrande maggioranza dei casi non si va mai troppo in là negli anni. Certo, si riescono a ottenere preziose informazioni, magari si ritrovano vecchie foto in bianco e nero o si ascoltano vecchi racconti e aneddoti che altrimenti andrebbero persi, ma la tua vera intenzione, quella tua voglia di ricostruire la storia della tua famiglia, non sarà stata di certo appagata… anzi.
Fortunatamente, oggi, i mezzi per ritrovare notizie certe ci sono. Scopriamoli insieme, uno per volta.

Gli strumenti per reperire informazioni su antenati e avi

Iniziamo col dire che esiste una scienza, la “genealogia”, che si occupa di studiare e mettere in campo delle ricerche mirate a giungere all’origine e alla discendenza del proprio nucleo familiare odierno e scoprire, quindi, notizie su antenati e avi.
La genealogia è una disciplina molto interessante che ti potrebbe consentire, ad esempio, di scoprire la tua ipotetica discendenza o un eventuale titolo nobiliare.
Ma cosa devi fare nella pratica per ricostruire il tuo albero genealogico?
Beh, per scoprire da chi discendi e chi erano i tuoi antenati hai a disposizione diverse strade: per prima cosa puoi consultare i registri anagrafici messi a disposizione dal tuo Comune di residenza, che ti consentirebbero di andare a ritroso all’interno della tua discendenza di ben 70 anni; puoi consultare i registri ecclesiastici o i fondi notarili; o affidarti al Web, anche per ritrovare il tuo stemma di famiglia.
Ma procediamo per gradi e vediamo punto per punto di cosa stiamo parlando.

Come posso ritrovare antenati vissuti più di 70 anni fa?

Per ritrovare antenati vissuti più di 70 anni fa puoi consultare gli archivi storici del tuo Comune di appartenenza, che ti possono far risalire fino agli anni 1860 – 1870 circa. O, ancora, attingere alle enormi risorse che offrono i registri che sono nelle mani delle parrocchie. Questi registri ti permettono di avere in mano molte informazioni interessanti: come sapere di tutte le nascite e i decessi avvenuti nel corso degli anni, i battesimi e i matrimoni, se esistono o meno i presupposti per il possesso di titoli nobiliari e tante altre notizie utili.
Attraverso i registri ecclesiastici è possibile scoprire chi erano i tuoi antenati fino a giungere alla seconda metà del XVI secolo, allorquando, per volere del concilio di Trento, le parrocchie cominciarono a registrare obbligatoriamente nascite, morti, battesimi e così via.

Come faccio ad avere notizie sul mio stemma di famiglia?

Il tuo desiderio è quello di andare ancor più in là con gli anni? Niente paura, ti potrebbero aiutare i fondi notarili detenuti presso gli archivi di Stato, dove potrebbero figurare contratti in cui vengono riportati i nomi e i cognomi dei tuoi antenati.
Ci si potrebbe affidare poi a un’altra strada da perseguire per avere notizie su antenati e avi, l’araldica, ovvero lo “studio metodico delle armi e degli stemmi gentilizi”. Tale disciplina permette di identificare lo stemma della propria famiglia, quella insegna che ogni gruppo di appartenenza dovrebbe avere avuto fin da tempi immemori e senza che, per forza, come erroneamente di pensa, si abbia del “sangue blu”.
Ma come si fa per scoprire il proprio stemma araldico? Semplice: per trovarlo ti può essere utile il Web! Il risultato non è garantito al 100% ma almeno ci si può provare! E un primo sito da consultare è Cognomix: ti basterà digitare il tuo cognome nello spazio e cliccare su Cerca. Buona fortuna!

Quali siti consultare per la ricostruzione dell’albero genealogico?

Ultima opzione, che tra l’altro è anche la più semplice (visto che ti ritroverai a fare ricerche senza muoverti da casa), è usare il tuo PC e sfruttate le enormi possibilità che ti offre Internet in materia di ricostruzione di albero genealogico. A questo proposito ci sono vari siti che permettono di venire a conoscenza dei tuoi predecessori e tutti completamente gratuiti. Vediamoli:

  • Antenati è il portale che viene gestito quotidianamente dalla Direzione Generale per gli Archivi e dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo; è interamente gratuito e non richiede registrazione;
  • FamilySearch è un secondo sito completamente gratuito che ti permetterà di ricostruire il tuo albero genealogico grazie all’apporto di tantissimi utenti sparsi nel mondo e che hanno fatto sì che si abbia a disposizione un’immensa banca dati contenente nomi, documenti, luoghi ecc. Inoltre, anche da Family Search si può accedere al sito del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.
  • Centro Altreitalie è invece il portale che si occupa degli immigrati che andarono via dall’Italia parecchi anni fa, consentendoci di avere informazioni su di loro. Come per gli altri portali, è tutto gratuito, ma è richiesta la registrazione prima dell’utilizzo.

Ora che hai in mano tutti gli strumenti per ricostruire il tuo albero genealogico e avere notizie su antenati e avi, cosa aspetti a metterti a lavoro?

note

Autore immagine: pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI