Salute e benessere | Articoli

Bulimia nervosa: sintomi, cause e rimedi

15 Agosto 2018
Bulimia nervosa: sintomi, cause e rimedi

Le persone che soffrono di disturbi dell’alimentazione, hanno specifiche difficoltà nel rapporto con il cibo e con il proprio corpo, sino ad arrivare ad una completa compromissione della propria vita. Tra i più comuni disturbi dell’alimentazione ci soffermeremo ad analizzare la bulimia nervosa.

La bulimia nervosa colpisce prevalentemente adolescenti, nella maggior parte dei casi si tratta di ragazze, o giovani adulti, mediamente intorno ai 16 anni di età. La principale caratteristica di tale disturbo è l’eccessiva attenzione, a tratti ossessiva e maniacale, dedicata al peso, alle forme del proprio corpo e all’alimentazione attivando, di conseguenza, una serie di comportamenti disfunzionali, primo fra tutti il vomito. Gli effetti più immediati del vomito sono la diminuzione della sensazione di malessere fisico e la paura di aumentare di peso. Il peso e le forme corporee, per chi è affetto da tale disturbo, rappresentano i fattori principali su cui viene basata la propria autostima. Chi presenta questo disturbo, generalmente, si vergogna della propria condotta alimentare e tenta di nasconderla a tutti i costi; per questo, spesso, ci si abbuffa in solitudine. Nelle abbuffate la persona affetta da tale disturbo non riesce a resistere all’impulso di mangiare ed è in preda alla sensazione di non riuscire a controllarsi. Vediamo insieme le cause, le conseguenze ed i possibili trattamenti per affrontare uno dei più grandi mostri dei disturbi alimentari che è la bulimia nervosa.

 Che cos’è la bulimia?

Con il termine bulimia, indichiamo letteralmente “fame da bue” . La Bulimia Nervosa può essere caratterizzata da una disregolazione emotiva e da uno scarso controllo degli impulsi ed è caratterizzata dai seguenti aspetti:

  • ricorrenti abbuffate : una persona si abbuffa quando assume una grande quantità di cibo rispetto a quella consumata normalmente, ed ha la sensazione di perdere il controllo mentre mangia;
  • persistente pensiero verso il cibo: la persona che soffre di bulimia pensa costantemente al cibo ed ha avverte un forte desiderio di mangiare;
  • attivazione di comportamenti disfunzionali che seguono le abbuffate di cibo e sono finalizzati a non aumentare di peso (es. vomito autoindotto, uso improprio di lassativi e diuretici, eccessivo esercizio fisico, uso di farmaci anoressizzanti);
  • persistente preoccupazione e sensi di colpa per le forme del corpo e per il peso.

Per poter effettuare diagnosi di bulimia nevosa, le abbuffate devono verificarsi almeno una volta a settimana per tre mesi. E’ possibile distinguere due forme di bulimia nervosa: bulimia con condotte di eliminazione (dopo l’abbuffata si ricorre all’uso di vomito auto-indotto, lassativi o diuretici), e bulimia senza condotte di eliminazione.

Quali sono le cause?

Le cause di tale disturbo alimentare sono ascrivibili in un insieme di cause fisiche, ambientali e di personalità. Tra le principali cause e fattori di rischio troviamo:

  • obesità dei genitori;
  • obesità nell’infanzia della persona affetta da bulimia nervosa;
  • continue critiche dei familiari sul proprio peso e sulle proprie forme corporee;
  • episodi di bullismo vissuti dalla persona affetta da bulimia circa l’alimentazione ed il peso;
  • disturbi dell’alimentazione in famiglia;
  • storia personale di abusi e traumi

Una persona sarà tanto più a rischio di sviluppare una bulimia nervosa se:

  • ha una bassa autostima;
  • non ha fiducia in se stessa;
  • è perfezionista;
  • non ha consapevolezza delle proprie emozioni;
  • manifesta comportamenti impulsivi o comportamenti ossessivi.

Quali sono le conseguenze?

Le conseguenze di un importante disturbo alimentare quale la bulimia nervosa riguardano sia la sfera sociale e relazionale che quella personale e medica. Da un punto di vista psicologico la presenza di un disturbo alimentare ha spesso effetti negativi sull’umore e sulla propria autostima, determinando un grave isolamento sociale e riduzioni degli interessi e delle attività. Gli effetti negativi sull’umore quali tristezza, sensi di colpa e depressione possono proiettare la persona verso un ritiro sociale con conseguente interruzione della rete amicale e parentale; inoltre, possono presentarsi difficoltà di concentrazione sul lavoro, frequenti discussioni in famiglia e problemi di coppia, con pesanti conseguenze sull’immagine di sé e sulla autostima. Inoltre l’utilizzo del vomito autoindotto o l’abuso di lassativi e diuretici può avere conseguenze molto gravi per l’organismo. Le principali conseguenze della bulimia nervosa sull’organismo sono:

  • cronica disidratazione;
  • traumi nella cavità orale;
  • infiammazione dell’esofago;
  • infertilità;

Quali sono i trattamenti per curare la bulimia?

La cura della bulimia nervosa contempla sia trattamenti farmacologici che trattamenti psicoterapeutici e riabilitativi. La cura con antidepressivi si è dimostrata efficace nel miglioramento del tono dell’umore  ed è un trattamento efficace nel breve periodo. Nel medio lungo periodo occorre invece un percorso psicoterapico altrimenti  i sintomi tendono a ricomparire. Per questo motivo la cura della bulimia nervosa deve sempre prevedere un trattamento psicoterapeutico accompagnato da un trattamento riabilitativo. La cura psicologica e riabilitativa si concentra principalmente su tre aspetti:

  • riconoscere la fame fisiologica da quella nervosa e riconoscere e gestire in modo più funzionale le proprie emozioni;
  • ripristinare una condotta alimentare sana;
  • dedicarsi al trattamento del disturbo della propria immagine corporea e dell’insoddisfazione personale che ne deriva;

La cura della bulimia, come di altri disturbi alimentari, richiede un’equipe multidisciplinare e specialistica; la cura può avviene in regime ambulatoriale ma anche in ricovero ospedaliero se consigliato dagli specialisti.


note

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube