Business | Articoli

Graduatorie di istituto: la compilazione del modulo B

28 Giugno 2017
Graduatorie di istituto: la compilazione del modulo B

Seconda parte della domanda, il modulo B: lista provvisoria classi di concorso più richieste, cosa fare se si sbaglia la domanda, le province più accorsate.

Il 24 giugno 2017 è stato l’ultimo giorno per inviare le domande per l’inserimento o aggiornamento delle graduatorie di istituto per il triennio 2017/2020. Il 1° luglio inizia la seconda fase che sarà esclusivamente on line. Nella prima fase gli aspiranti docenti sono stati impegnati nella scelta della provincia e della scuola capofila, oltre che nella verifica dei titoli di ammissione: in moltissimi hanno scelto le province del Nord anche se i dati precisi per provincia non sono ancora ufficiali. in particolare le segreterie hanno tempo fino al 30 giugno per verificare che le domande siano state compilate in modo corretto e inserire tutti i dati nel sistema.

Seconda fase su istanze online

La polemica tra i sindacati e il Miur sulle tempistiche a cui dovranno attenersi le segreterie per valutazione ed inserimento delle domande di inserimento/aggiornamento delle graduatorie di istituto per il triennio scolastico 2017/2020 non è servita a far slittare il termine ultimo per la presentazione delle domande. Tanto che lo stesso ministero ha confermato  che dal 1° luglio si potrà accedere alla scelta delle venti scuole: la procedura avverrà sul sito «Polis- Istanze Online» dove saranno caricati anche i punteggi. La data di scadenza è il 20 luglio 2017. Durante questo periodo si può compilare il modello e inviarlo;

Graduatorie di Istituto: cosa fare se si sbaglia la compilazione del modello su istanze on line?

Se ci si accorge di un errore o ci si pente di una scelta effettuata, si può ricompilare il modello – sempre con la stessa procedura su Istanze on line- e il nuovo invio annullerà il precedente. Le segreterie prenderanno in carico solo l’ultimo modello inviato entro la data di scadenza per la presentazione.

Graduatorie istituto II e III fascia: a chi va inviato il modello B di istanze on line?

Il Modello B deve essere indirizzato alla stessa istituzione scolastica – sarà la prima da indicare – alla quale sono stati presentati i Modelli A1, A/2 e A/2bis. È importate precisare che qualora la segreteria non avesse registrato la domanda sul sito entro il 30 giugno, è necessario contattare telefonicamente gli uffici e se ci dovessero esserci degli errori gli assistenti amministrativi devono contattare l’aspirante docente per permettergli di correggere le irregolarità.

Le classi di concorso più richieste

Da dati ancora non ufficiali le graduatorie che risulterebbero più richieste sarebbero quelle di:

  • A61 – Tecnologie e tecniche delle comunicazioni multimediali;
  • AI56 – Strumento musicale;
  • A01- Arte e immagine;
  • A10 – Discipline grafico pubblicitarie;
  • A12-A22 – materie letterarie;
  • A15 – Discipline sanitarie;
  • A21 – Geografia;
  • A41 – Scienze e tecnologie informatiche;
  • A40 – Scienze e tecnologie elettriche ed elettroniche;
  • A37 – Scienze e tecnologie delle costruzioni, tecnologie;
  • A42 – Scienze e tecnologie meccaniche;
  • A38 – Scienze e tecnologie delle costruzioni aeronautiche;
  • A24 – Giapponese.

Ricordiamo che non sono dati ufficiali e la situazione varia da regione e regione e, finché non verranno acquisite e registrate le domande, per l’elaborazione della lista soprastante ci si è basati difatti esclusivamente sullo scorrimento delle relative graduatorie, elemento dal quale si può dedurre l’andatura generale dell’immissioni per l’a.s. 2017/18. Vi terremo aggiornati con i dati ufficiali non appena ne avremo contezza.

Quali sono le province più richieste?

Per una lista – naturalmente non ufficiale – delle province più richieste ti consigliamo di dare uno sguardo al nostro articolo Graduatorie di istituto: le città con più domande pervenute.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube