Tech | Articoli

Atari: fallimento per lo storico marchio

22 Gennaio 2013
Atari: fallimento per lo storico marchio

Bancarotta per una delle più famose case di videogames, schiacciata dalla Playstation e le sue sorelle.

Game over”, avrà detto l’amministratore delegato al c.d.m., nell’ultima riunione del gruppo che un tempo era leader indiscusso del mercato dei videogames. L’Atari chiude. O meglio, la divisione americana, al cui interno aveva militato lo stesso Steve Jobs, prima di fondare la Apple.

Dopo aver invaso, negli anni ’70, il mondo dei teens e dei più grandi, con videogiochi storici, come Asteroids, Pong e Space Invaders, ed essersi spartita, negli anni ’80, insieme alla Intellevision di Mattel, il mondo delle console, la Atari Interactive Inc., divisione della francese Arati SA, ha presentato domanda di fallimento al tribunale di Manhattan, New York. Era ormai ridotta in fin di vita: soltanto 40 i dipendenti superstiti.

Resterà in vita (chissà per quanto ancora) la casa madre, con sede in Francia, che tuttavia è anch’essa al collasso e in forte perdita dal 1999. La società è alla ricerca di 5,25 milioni di euro e di investitori che vogliano investire sul marchio per rilanciare il settore dell’entertainment.

Lo scorso 29 novembre 2012, lo storico videogioco Pong, vessillo dell’Atari, aveva compiuto 40 anni: tanto per capirci, coetaneo del film “Il Padrino” o della “Canzone del sole” di Battisti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube