Business | Articoli

Disoccupazione Dis-Coll 2017: domanda e requisiti per la disoccupazione di collaboratori

2 luglio 2017


Disoccupazione Dis-Coll 2017:  domanda e requisiti per la disoccupazione di collaboratori

> Business Pubblicato il 2 luglio 2017



Il sussidio di disoccupazione Dis-Coll 2017  sarà esteso anche ad assegnisti e dottori di ricerca. Ecco requisiti e come fare domanda.

L’ Inps con una circolare [1] ha dato il via libera alla presentazione delle domande per la richiesta della Dis-Coll 2017:  avranno diritto al sussidio di disoccupazione, grazie al Jobs Act autonomi, non soltanto i collaboratori ma anche gli assegnisti e i dottori di ricerca. La Dis-Coll è stata prorogata con il Decreto Milleproroghe fino al 30 giugno 2017 e può essere richiesta da tutti i collaboratori per cessazione involontaria del rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2017.  Come accedere al sussidio?

Cos’è la Dis-Coll?

La Dis-Coll è un ammortizzatore sociale finalizzato a sostenere economicamente i collaboratori coordinati e continuativi compresi i collaboratori a progetto che restano, involontariamente, senza occupazione. Tramite il Jobs Act autonomi assume carattere permanente. L’indennità Dis-Coll è dovuta per un periodo massimo di sei mesi e non può, in ogni caso, superare l’importo massimo mensile di 1.300 euro per l’anno 2017.

Come presentare domanda? Quali requisiti?

Per richiedere la Dis-Coll 2017 è necessario rispettare i requisiti illustrati dall’Inps:

  • essere iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata Inps;
  • non essere titolari di partita Iva (o procedere con la chiusura in caso di p.Iva silente);
  • non essere titolari di reddito da pensione;
  • stato di disoccupazione all’atto di presentazione della domanda.

Inoltre sono accettati alcuni casi di tollerabilità tra reddito da lavoro autonomo e prestazione di lavoro accessorio: non bisognerà in ogni caso superare un certo tetto di reddito annuo e in caso di compatibilità è prevista la riduzione dell’assegno di Dis-Coll spettante.

Restano esclusi dalla possibilità di presentare domanda Dis Coll 2017:

  • amministratori;
  • sindaci;
  • revisori di società;
  • associazioni e altri enti con o senza personalità giuridica;
  • assegnisti, dottorandi di ricerca, titolari di assegno di ricerca (potranno accedervi a partire dal 1° luglio 2017).

Vediamo di seguito punto per punto i requisiti richiesti, l’importo e come presentare domanda di Dis Coll 2017 per richiedere l’assegno di disoccupazione per collaboratori.

Dis-Coll 2017: disoccupazione di collaboratori, assegnisti e dottori di ricerca

Con il Jobs Act del lavoro autonomo [2]  viene estesa a dottori di ricerca e assegnisti la possibilità di accedere all’indennità di disoccupazione Dis Coll a partire dal 1° luglio 2017: collaboratori, assegnisti e  dottorandi con borsa di studio per eventi di disoccupazione con decorrenza a partire dal 1° luglio 2017. L’Inps ancora non ha comunicato tutti i dettagli applicativi. Quindi quali sono i requisiti? Chi può accedere?

Quali sono i requisiti per i collaboratori?

Per l’accoglimento della domanda di disoccupazione e per accedere alla Dis-Coll 2017 è richiesto ai collaboratori il rispetto dei seguenti requisiti:

  • stato di disoccupazione;
  • aver versato alla Gestione Separata Inps almeno 3 mesi di contributi nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2016 e il giorno di conclusione del contratto di collaborazione. Ai fini del computo dei mesi hanno validità anche i periodi di contribuzione figurativa in caso di maternità.

Come presentare domanda?

La domanda di disoccupazione Dis Coll 2017 deve essere presentata entro 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di collaborazione e l’assegno di disoccupazione spetta a partire dal 8° giorno successivo alla conclusione della collaborazione. La domanda dovrà essere inviata nelle seguenti modalità:

  • modalità telematica, tramite il sito Inps e l’applicazione Dsweb – Dis-Coll, utilizzando il modulo aggiornato al 2017;
  • contact center Inps al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • enti di patronato e intermediari Inps, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

 

I collaboratori che hanno accesso alla Dis-Coll 2017 possono beneficiare dell’indennità di disoccupazione per una durata pari alla metà dei mesi o frazioni di mesi del rapporto di collaborazione presente nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2016 e la data di cessazione del rapporto lavorativo. La durata massima è di sei mesi.

note

[1] Circ. n. 89 del 23.05. 2017.

[2] L. n. 81 del 22.05.2017.

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI