Diritto e Fisco | Articoli

Fascicolo sanitario elettronico: che cos’è?

31 Luglio 2018 | Autore:
Fascicolo sanitario elettronico: che cos’è?

Una cartella online per raccogliere tutta la storia clinica di un paziente e per prenotare visite, pagare ticket o sapere tempi di attesa. Ecco come si attiva.

Ti è mai capitato di dover cercare il referto di un esame o le indicazioni di una visita medica specialistica effettuata in passato per un ulteriore controllo e di perdere delle ore a cercarlo senza risultato? Eppure, doveva essere su quella cartella dove tieni tutto. Ma vai a sapere dove l’hai appoggiato quel giorno quando sei tornato a casa dall’ospedale in fretta e hai pensato: «Dopo lo metto a posto». Il dopo, spesso, diventa mai e, così, ora diventi matto a cercare un pezzo di carta che ti serve ma che non compare da nessuna parte. Oggi è semplice risolvere questo problema grazie al fascicolo sanitario elettronico: che cos’è? Si tratta di una sorta di raccoglitore virtuale per tenere in modo ordinato le informazioni reali sul tuo stato di salute. Roba complicata? Neanche tanto. E, oltretutto, è riservato solo a te stesso, nel senso che soltanto tu puoi aprirlo e consultarlo. Insomma, risolvi anche l’annoso problema di chi mette le mani nelle tue cose e poi tu non trovi mai nulla.

Serve una connessione Internet e delle credenziali che si ottengono in fase di registrazione al portale dedicato al fascicolo sanitario elettronico. Questo strumento, fornito dal Servizio sanitario nazionale, è facoltativo e gratuito. Chi lo vuole utilizzare, ce l’ha a disposizione senza pagare un euro e, proprio perché elettronico, può consultarlo anche all’estero. Chi non lo vuole, può continuare ad immagazzinare carta nell’apposito raccoglitore da tenere in un armadio.

Non solo: grazie al fascicolo sanitario elettronico è possibile anche:

  • ritirare i referti online;
  • prenotare una visita;
  • pagare il ticket anche per un esame di laboratorio o strumentale;
  • consultare i tempi di attesa delle visite specialistiche;
  • cambiare il medico di famiglia o il pediatra.

Vediamo di seguito i vantaggi del fascicolo sanitario elettronico, come fare per averlo e come si può sfruttare al massimo.

Fascicolo sanitario elettronico: che cos’è?

Il fascicolo sanitario elettronico, come dicevamo, è un raccoglitore online che contiene tutti i dati ed i documenti riguardanti lo stato di salute di un cittadino. In pratica, tutta la sua storia con eventi clinici, esami, ricoveri, visite specialistiche, ecc.

Non è soltanto l’assistito a dover aggiungere di volta in volta i documenti nuovi: sarà anche il personale sanitario che si prende cura del paziente a farlo.

Il cittadino, dunque, può accedere in qualsiasi momento a questa specie di cartella clinica personale. Pensa, ad esempio, a dover fare una visita in questo periodo ed essere costretto a recuperare l’esito di quella che avevi fatto un paio di anni fa o di dover portare l’esito dell’ultima radiografia o, ancora, il parere dello specialista che ti aveva visto in passato per un problema specifico.

Tecnicamente, il fascicolo sanitario elettronico è una my-page di Internet in cui le informazioni del paziente vengono archiviate e, di volta in volta, aggiornate. Su quella pagina ci sono anche i link ai principali servizi online del Sistema sanitario nazionale.

Fascicolo sanitario elettronico: come si attiva?

Per accedere al proprio fascicolo sanitario elettronico è necessario dotarsi delle credenziali Spid e One Time Password oppure del lettore di smart card. Come si fa? Vediamolo passo dopo passo.

Fascicolo sanitario: la registrazione

Prima di tutto, e se parti da zero perché non hai né le credenziali sopra citate né il lettore di smart card, devi collegarti alla pagina fascicolo-sanitario.it e cliccare sul tasto «Registrati». Ti verrà chiesto di creare username e password.

La schermata successiva ti chiederà il tuo codice fiscale e l’Asl in cui hai scelto il tuo medico di base.

Cliccando su «Procedi» compariranno i tuoi dati recuperati dai sistemi regionali grazie al codice fiscale inserito in precedenza. Occorrerà aggiungerne altri che ti verranno chiesti. Alcuni facoltativi, come il tuo numero di cellulare, altri obbligatori come il tuo indirizzo di e-mail, username da utilizzare per accedere in futuro al fascicolo sanitario elettronico e la password (da scrivere due volte per conferma). Immancabile la casella da barrare per acconsentire al trattamento dei tuoi dati personali. Se non ci sono degli errori, la registrazione sarà completata e riceverai un messaggio di conferma all’indirizzo e-mail che hai indicato.

Fascicolo sanitario: l’attivazione

Fatta la registrazione, dovrai recarti presso uno sportello Asl abilitato all’attivazione delle credenziali presentando:

  • un documento di identità in originale e copia (quest’ultima verrà trattenuta allo sportello);
  • l’ID della registrazione che trovi nel messaggio di conferma della registrazione ricevuto via e-mail (nel dubbio, stampalo e portalo con te).

L’attivazione può essere eseguita da un’altra persona purché munita di delega e di documento di identità.

A questo punto riceverai le credenziali definitive e, via sms, la One Time Password, cioè la chiave di accesso utilizzabile solo per una volta. Con queste credenziali potrai collegarti al sito e accedere al tuo fascicolo sanitario elettronico.

Certe Asl consentono la registrazione direttamente allo sportello presentando sempre un documento di identità.

Se, invece, possiedi già la smart card non avrai bisogno di creare le credenziali: basterà inserire il codice Pin che ti è stato rilasciato al momento dell’attivazione della carta.

Infine, se hai già lo Spid con il livello di sicurezza Spid 2 puoi già accedere al tuo fascicolo.

Non potrai scegliere un solo indirizzo di posta elettronica per più fascicoli sanitari (ad esempio il tuo e quello di tua moglie) ma potrai scegliere lo stesso numero di cellulare per associarli.

Fascicolo sanitario elettronico: a che serve?

Attivando il fascicolo sanitario elettronico è possibile non soltanto consultare la propria storia clinica ma anche avere accesso ad altri servizi. Nel dettaglio puoi:

  • pagare il ticket sanitario per una prestazione;
  • prenotare, spostare o cancellare una visita e un esame specialistico;
  • consultare e stampare referti di visite e di esami, compresi quelli del Pronto soccorso;
  • avere in tempo reale dei referti;
  • consultare il certificato dei vaccini effettuati;
  • aggiungere nuovi documenti sanitari scansionandoli e caricandoli nel fascicolo;
  • cambiare medico di base o il pediatra dei figli;
  • consultare i tempi di attesa di una visita specialistica.

Fascicolo sanitario elettronico: chi lo può vedere?

Sarai tu a stabilire chi può consultare il tuo fascicolo sanitario elettronico. Avrai la possibilità di permettere al tuo medico di base o al pediatra di tuo figlio o, ancora, ad uno specialista in una determinata circostanza di consultarne il contenuto. Oppure potrai decidere di aprirlo soltanto tu.

In ogni caso, la sicurezza è garantita da un sistema di riconoscimento chiamato de visu, cioè di persona, fatto dalla persona abilitata alla verifica della tua identità al momento del rilascio delle credenziali.

È possibile in qualsiasi momento modificare o revocare il consenso dato per l’aggiornamento e la consultazione del tuo fascicolo.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube