Business | Articoli

Milleproroghe: terremoto ed emergenze, ancora tempo per pagare

1 Gennaio 2017
Milleproroghe: terremoto ed emergenze, ancora tempo per pagare

Prorogati i termini di pagamento di bollette, spese e mutui: gli interventi del mille proroghe a favore delle popolazioni terremotate

Il decreto mille proroghe è il provvedimento che alla fine dell’anno offre una soluzione di emergenza per i casi in cui una riforma non riesca ad essere messa in atto nei tempi previsti, o i percorsi di sostegno e supporto a determinate categorie non siano ancora sufficienti a permettere un risanamento delle situazioni di crisi.

Quest’ultimo è il caso degli interventi che il decreto mille proroghe offre a favore delle popolazioni terremotate.

Milleproroghe per le popolazioni terremotate: le nuove scadenze

Ecco i provvedimenti in favore delle popolazioni terremotate, nella lista che segue vi daremo tra parentesi la scadenza precedente all’approvazione del provvedimento:

  • Fabbricati inagibili: viene prorogata di sei mesi, per i soggetti danneggiati che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, la sospensione temporanea dei termini di pagamento delle fatture. Sono incluse gas, elettricità, acqua, assicurazioni, telefonia, canone Rai (precedente scadenza 6 mesi da dall’approvazione del decreto);
  • Sussidi dipendenti aree terremotate: prorogati per il periodo di imposta 2017 l’esenzione della tassazione per i sussidi erogati ai dipendenti residenti nelle aree del Centro Italia (precedente scadenza riferita al solo anno  2016);
  • Pagamento mutui: sono stati nuovamente sospesi per un altro anno i pagamenti di mutui ed altri finanziamenti appartenenti ai residenti nelle aree del sisma del centro Italia (precedente scadenza al 31 dicembre 2016).

Per conoscere le aree interessate dal sisma ti consigliamo di consultare il nostro approfondimento Sisma: tutte le agevolazioni per imprese e cittadini, la guida completa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube