Business | Articoli

Differenza tra Bonus Occupazione Giovani e Assunzioni al Sud

16 Gennaio 2017 | Autore:
Differenza tra Bonus Occupazione Giovani e Assunzioni al Sud

Bonus assunzioni al via, le istruzioni dell’Anpal, ecco le differenze tra bonus assunzione al Sud e bonus occupazione giovani.

L’Anpal ha trasmesso con i suoi primi due decreti le istruzioni per poter usufruire dei bonus assunzioni. Ecco la differenza tra due dei bonus più rilevanti: il Bonus Assunzioni al Sud e il Bonus Occupazione giovani.

Cos’è il bonus assunzioni al Sud?

Il bonus assunzioni al Sud è la misura che permette di sgravare i costi relativi ai contributi fino a un massimo di 8mila euro per lavoratore (per la precisione 8.060 euro esclusi i premi Inail), nei casi di assunzione con apprendistato professionalizzante o con contratti a tempo indeterminato.
Le assunzioni devono essere rivolte a giovani dai 16 ai 24 anni, o anche a 25 anni ma disoccupati da 6 mesi.
Le agevolazioni sono concesse per assunzioni effettuate in:

  • Basilicata,
  • Calabria,
  • Campania,
  • Puglia,
  • Sicilia,
  • Abruzzo,
  • Molise
  • Sardegna.

Le agevolazioni sono applicabili anche nel caso in cui non si verifichino nuove assunzioni, ma trasformazioni di contratto da tempo determinato a indeterminato.

Cos’è il Bonus Occupazione Giovani?

Il bonus occupazione giovani è sempre pari alla contribuzione previdenziale fino ad un massimo di 8.060 euro (non sono inclusi i premi Inail). Possono accedere all’incentivo i datori di lavoro che assumano giovani registrati a Garanzia Giovani o i NEET (Not in Education Either in Training, letteralmente né in percorsi di educazione né in percorsi di formazione). Rientrano in quest’ultima definizione i giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni (che abbiano assolto al diritto dovere all’istruzione e formazione, se minorenni) che non siano inseriti in un percorso di studio o formazione e che risultano essere disoccupati.

Quando valgono gli incentivi per l’occupazione?

Vale l’incentivo se si assume con i seguenti contratti:

  • a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione;
  • apprendistato professionalizzante;
  • a tempo determinato, anche a scopo di somministrazione, la cui durata sia inizialmente prevista per un periodo pari o superiore a sei mesi (in questo caso il bonus è ridotto).

Come chiedere le agevolazioni?

Per chiedere le agevolazioni i datori di lavoro devono inoltrare un’istanza preliminare di ammissione all’Inps in via telematica, indicando i dati relativi all’assunzione effettuata o che intendono effettuare, con le modalità che verranno definite dallo stesso istituto.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube