Business | Articoli

Stefano Cucchi: è stato omicidio preterintenzionale

17 Gen 2017


Stefano Cucchi: è stato omicidio preterintenzionale

> Business Pubblicato il 17 Gen 2017



Si chiude l’inchiesta sul giovane morto nell’ospedale Pertini di Roma a seguito dell’arresto. Incriminati i Carabinieri.

La sentenza arriva ad 8 ani dalla morte del giovane Stefano Cucchi che nel 2009 era stato arrestato nel parco degli acquedotti di Roma e poi trasferito per un malore evidente nel reparto di medicina protetta dell’ospedale Pertini di Roma.

Il procuratore capo Giuseppe Pignatone e il pm Giovanni Musarò chiudono la cosiddetta inchiesta bis che era stata aperta nel novembre del 2014 sui responsabili del suo pestaggio e con l’atto di conclusione indagini contestano a tre dei carabinieri che lo arrestarono (Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco) il reato di omicidio preterintenzionale.

Con loro, accusati di calunnia, il maresciallo allora comandante della stazione dei carabinieri Appia e i carabinieri Vincenzo Nicolardi e Francesco Tedesco.

Per Mandolini e Tedesco anche il reato di falso verbale di arresto.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI