Business | Articoli

Stefano Cucchi: è stato omicidio preterintenzionale

17 Gennaio 2017
Stefano Cucchi: è stato omicidio preterintenzionale

Si chiude l’inchiesta sul giovane morto nell’ospedale Pertini di Roma a seguito dell’arresto. Incriminati i Carabinieri.

La sentenza arriva ad 8 ani dalla morte del giovane Stefano Cucchi che nel 2009 era stato arrestato nel parco degli acquedotti di Roma e poi trasferito per un malore evidente nel reparto di medicina protetta dell’ospedale Pertini di Roma.

Il procuratore capo Giuseppe Pignatone e il pm Giovanni Musarò chiudono la cosiddetta inchiesta bis che era stata aperta nel novembre del 2014 sui responsabili del suo pestaggio e con l’atto di conclusione indagini contestano a tre dei carabinieri che lo arrestarono (Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco) il reato di omicidio preterintenzionale.

Con loro, accusati di calunnia, il maresciallo allora comandante della stazione dei carabinieri Appia e i carabinieri Vincenzo Nicolardi e Francesco Tedesco.

Per Mandolini e Tedesco anche il reato di falso verbale di arresto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube