Business | Articoli

Albo Direttori Parchi Nazionali al ministero dell’Ambiente

22 Gennaio 2017
Albo Direttori Parchi Nazionali al ministero dell’Ambiente

Riaperto un albo da cui verranno selezionate le figure di direzione per i parchi nazionali: ecco come accedere ed entro quando fare domanda.

Il ministero dell’Ambiente ha aperto un albo di esperti che hanno i requisiti necessari a ricoprire la carica di direzione dei parchi nazionali. L’albo viene oggi aggiornato attraverso una nuova selezione per titoli.

Ecco i requisiti necessari per presentare candidatura.

Albo Direttori Parchi Nazionali: come candidarsi

Il ministero dell’Ambiente ha avviato una selezione per soli titoli volta all’aggiornamento dell’albo degli idonei all’esercizio dell’attività di direttore di parco nazionale.

Per poter presentare candidatura è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • diploma di laurea ai sensi dell’ordinamento previgente al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509;
  • laurea specialistica, o magistrale, conseguita presso un’università statale della Repubblica italiana o presso un’università non statale abilitata a rilasciare titoli accademici aventi valore legale.

Si tenga presente che per quanto riguarda i titoli di studio conseguiti all’estero è richiesto il possesso di un titolo di studio riconosciuto equipollente a quelli indicati, secondo la vigente normativa.

È inoltre è richiesto, ai fini dell’ammissione, il possesso di uno dei seguenti requisiti:

  • essere dirigente di ruolo appartenente alle amministrazioni pubbliche, con specifica esperienza maturata in materia di tutela delle aree protette e della biodiversità per un periodo non inferiore a sei anni;
  • essere dipendente di ruolo di una pubblica amministrazione:
    • avendo ricoperto per almeno sette anni incarichi di servizio correlati a materie legate alla tutela delle aree protette e della biodiversità;
    • o in alternativa, qualora si sia in possesso di un dottorato di ricerca o di un diploma di specializzazione [1] viene ridotto ad almeno quattro anni di servizio in materia ambientale, svolti in posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del dottorato di ricerca o del diploma di laurea.
    • o infine per i dipendenti delle amministrazioni statali reclutati a seguito di corso-concorso che abbiano acquisito esperienze in materie di tutela delle aree protette e della biodiversità il requisito è di cinque anni;
  • essere in possesso di una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica in materia di tutela dell’ambiente e della biodiversità, desumibile dalla formazione universitaria e post-universitaria, da pubblicazioni scientifiche e da concrete esperienze di lavoro maturate, nelle medesime materie e per almeno sei anni, anche presso amministrazioni statali, in posizioni funzionali previste per l’accesso alla dirigenza.

Come presentare la candidatura all’albo nazionale 

Per presentare domanda di candidatura bisogna inviare form e allegati richiesti dal bando alla Direzione Generale per la protezione della natura e del mare” del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, via Cristoforo Colombo 44, 00154 Roma in carta semplice, deve pervenire entro e non oltre le ore 24,00 del 13 febbraio 2017.

Trovi il bando e il modulo di candidatura nella nostra sezione in pratica.


01| Scarica il bando per il concorso di aggiornamento dell’albo direttori parchi nazionali;

02| Scarica la candidatura attraverso il form del ministero.

03| Presenta la domanda entro il prossimo 13 febbraio 2017.

note

[1] I titoli devono essere stati conseguiti presso le scuole di specializzazione individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube