Business | Articoli

Lavoro nero: rischia grosso anche il lavoratore

12 Febbraio 2017
Lavoro nero: rischia grosso anche il lavoratore

Il lavoro nero è un rischio alto anche per il lavoratore: le multe possono arrivare a 5mila euro, ecco i dettagli.

È necessario uscire dall’equivoco che il lavoro nero non sia un rischio tanto per il lavoratore, quanto piuttosto per il datore di lavoro.

Quando difatti la condizione di lavoratore in nero è accoppiata alla percezione di indennità di disoccupazione, a carico del lavoratore si configurano due tipologie di reato:

  • la falsa dichiarazione (o meglio falso ideologico);
  • l’indebita percezione di erogazioni da parte dello stato.

Ecco i dettagli per ciascuna di queste condizioni.

Falso ideologico per lavoro in nero

Se si rende la dichiarazione dello stato di disoccupazione, ma in realtà si è impiegati «in nero», senza che con il lavoro sia stato dichiarato all’ispettorato e senza che ad esso siano collegati contributi e imposte previsti per legge, si configura per il lavoratore il reato di falso ideologico [1].

La pena prevista è la reclusione fino a due anni.

Reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato

Se dall’attestazione – falsa – dello stato di disoccupazione, si ottiene anche la disoccupazione o altri ammortizzatori sociali (erogati dallo Stato o da altri Enti Pubblici), il lavoratore in nero potrà essere punito con la reclusione da sei mesi a tre anni [2].

La pena sarà tramutata in sanzione amministrativa solo se la somma complessivamente ricevuta dovesse essere inferiore a 3.999,96 Euro. In questo caso le multe comminate andranno da un minimo di 5.164 Euro ad un massimo di 25.822 Euro;

La sanzione non potrà mai superare, ad ogni modo, il triplo del beneficio conseguito [3].

Stop alla disoccupazione o agli ammortizzatori sociali

Naturalmente alle sanzioni e alle pene che abbiamo descritto si aggiunge la decadenza dai benefici e la possibilità da parte dell’Inps (o dell’Ente che ha erogato indennità ed agevolazioni) alla restituzione degli indebiti ed al risarcimento del danno.

Lavoro in nero: cosa rischia il datore di lavoro

Per conoscere il rischio del datore di lavoro nell’impiegare personale senza che questo sia dichiarato all’ispettorato nazionale e sia di conseguenza collegato alla copertura contributiva, assicurativa e fiscale prevista per legge, ti consigliamo di leggere il nostro approfondimento Lavoro in nero: cosa rischia il datore di lavoro.


note

[1] Art. 483 c.p.

[2] Art. 316 ter c.p.

[3] D.P.R. 445/2000.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube