Business | Articoli

Sciopero Alitalia: ecco data e ora del disservizio

23 Febbraio 2017
Sciopero Alitalia: ecco data e ora del disservizio

Il sindacato conferma lo sciopero a seguito dell’incontro saltato con i vertici aziendali. 

Era in programma per oggi l’incontro tra i sindacati ed Alitalia, teso a riprendere le trattative sui contratti: evidentemente però non tutti erano d’accordo sull’incontro.

I sindacati rifiutano il tavolo

L’Assaereo, associazione di Confindustria cui aderisce Alitalia, aveva convocato tutte le rappresentanze sindacali, per discutere insieme all’esito dell’incontro che ieri mattina hanno avuto il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda, e l’amministratore delegato della compagnia aerea.

Un rifiuto preannunciato?

Le quattro sigle sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt e Ugl Ta avevano comunicato già ieri tramite missiva il necessario ed “indispensabile” un nuovo regolamento aziendale, da far entrare in vigore prima di marzo. La conferma è arrivata oggi da parte di Filt, nella persona del segretario nazionale Nino Cortorillo, il quale ha affermato laconico che ogni discussione sul contratto dovrà esser fatta senza ultimatum e senza alcun ricatto.

Niente da fare: annunciati gli scioperi per il 23 febbraio

Lo stesso segretario Cortorillo ha così confermato lo sciopero per il 23 febbraio, dalle 14.00 alle 18.00.

Chi riguarda lo sciopero?

A scioperare sarà Alitalia che le aziende di gestione aereoportuale e di handling, il personale di terra delle compagnie aeree straniere, secondo quanto affermato dal sindacalista.

Sciopero inevitabile secondo il ministro Calenda

Il ministro Calenda invita in ogni caso ad evitare iniziative unilaterali, tornando ad un modo di lavorare più armonico e costruttivo tra azienda e sindacati, basata sul reciproco confronto. In ogni caso, conclude Calenda, lo sciopero sarebbe stato inevitabile a questo punto, posto che Alitalia aveva già dirottato i propri clienti su altri voli


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube