Business | Articoli

Rischio paralisi politica in Ue: l’euroscetticismo spaventa

13 Marzo 2017
Rischio paralisi politica in Ue: l’euroscetticismo spaventa

Il Governatore della Banca d’Italia Visco allerta sul rischio paralisi politica nell’Unione Europea. 

L’euroscetticismo preoccupa non poco i vertici europei e nazionali, che temono la paralisi politica dell’Unione. Tra questi prende la parola il Governatore della Banca d’Italia, Visco.

Un clima di incertezza che scoraggia l’economia

Alla conferenza Macei-Bankitalia il governatore Visco ha sottolineato come l’euroscetticismo crescente, seppur non maggioritario, crea un «clima di incertezza e pessimismo che può scoraggiare la spesa delle famiglie».

L’euroscetticismo preoccupa e condiziona

Il rischio di paralisi politica «non è mai stato così elevato e richiede una risposta unitaria» secondo Visco, che sottolinea come questa tendenza potrebbe condizionare pesantemente «le stesse capacità delle istituzioni europee di sviluppare politiche e strumenti comuni per progredire nell’integrazione, assolutamente necessaria data l’incompletezza manifesta dell’unione, in primo luogo quella economica e monetaria».

La chiusura economica e nazionalista non può essere una soluzione

Si mostra decisamente preoccupato il governatore della Banca d’Italia sulle possibili derive economiche nazionaliste e tese alla chiusura delle frontiere: c’è incompletezza, un’incompletezza che genera instabilità.

Da Trump alla Brexit: occorre attenzione sul fenomeno disgregativo

Le istanze disgregratrici e centrifughe che si stanno sviluppando e che stanno assumendo connotazioni sempre più chiare nei centri di potere manifestano «un senso di frustrazione ed insoddisfazione della popolazione nei confronti delle istituzioni comunitarie»: tendenze, sottolinea Visco, da approfondire a tutti i livelli per intervenire con «necessari cambiamenti nel modus operandi di queste istituzioni».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube