Business | Articoli

Fattura elettronica: pochi giorni per esercitare l’opzione

29 Marzo 2017 | Autore:


> Business Pubblicato il 29 Marzo 2017



L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione il servizio gratuito per la generazione delle fatture elettroniche. Pochi giorni per esercitare l’opzione.

Dallo scorso luglio 2016 l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti il servizio gratuito finalizzato alla generazione delle fatture elettroniche, alla loro trasmissione ed alla conservazione dei dati [1].

Fatture elettroniche: cosa sono?

Da gennaio 2017 si dà la possibilità al contribuente di trasmettere le fatture elettroniche e di variarle anche nei rapporti tra i privati. Si può quindi esercitare l’opzione per avvalersi della trasmissione telematica dei dati di tutte le fatture, emesse e ricevute, e delle relative variazioni.

Quali i vantaggi dell’opzione

L’opzione consente una serie di vantaggi. In primo luogo si evita la comunicazione dei dati delle fatture ricevute ed emesse, con notevoli vantaggi in termini di costi: drastica riduzione nell’acquisto di carta, buste e bolli; eliminazione dei costi per gli spazi destinati agli archivi o di distruzione delle fatture; riduzione dei tempi di archiviazione, di richiesta, delle lavorazioni della posta.

Molti i vantaggi anche logistici, grazie alla possibilità di accedere on-line, da parte di tutte le diverse aree aziendali, alle fatture di acquisto e di vendita ed ai loro rispettivi contratti, ordini e ad ogni ulteriore comunicazione trasmessa e/o ricevuta. Si rende più rapido il controllo da parte di amministratori e responsabili, e più facile l’integrazione tra fatturazione, pagamenti-incassi elettronici e finanziamenti nei rapporti con le banche.

Di conseguenza migliora il servizio offerto ai clienti, dando, tra l’altro, la possibilità di inserire nella trasmissione elettronica anche richiami informativi sui propri prodotti, per aumentare la fidelizzazione dei propri clienti.

Chi può esercitare l’opzione?

L’esercizio dell’opzione può essere effettuato direttamente dagli interessati, che possono però avvalersi anche di un incaricato, purché sia autorizzato ad agire in nome e per conto del soggetto incaricante.

Come esercitare l’opzione?

Per esercitare l’opzione occorre autenticarsi utilizzando le credenziali dei servizi telematici dell’Agenzia delle entrate. Si può accedere con le credenziali rilasciate per Fisconline o Entratel; con la Carta Nazionale dei Servizi (la firma digitale delle Camere di Commercio); lo Spid (Sistema pubblico identità digitale). Altrimenti ci si può avvalere di intermediari [2] preventivamente abilitati al servizio telematico Entratel.

Ogni utente deve accedere ai servizi prima con le proprie credenziali personali, vale a dire quelle da persona fisica, e successivamente, se l’utente è stato incaricato da un terzo a svolgere gli adempimenti per suo conto, dovrà scegliere l’utenza di lavoro con cui operare, selezionando il collegamento relativo.  Se all’utenza di lavoro selezionata è associata più di una partita Iva, occorrerà selezionare quella per la quale si vogliono esercitare le opzioni.

Entro quando esercitare l’opzione facoltativa?

L’opzione facoltativa per la trasmissione telematica dei dati delle fatture può esser esercitata entro il 31 marzo, esclusivamente online tramite il servizio presente sul sito web «Fatture e corrispettivi» che è stato predisposto dall’Agenzia.

L’opzione riguarda sia le fatture attive che quelle passive.

Per quanto si è obbligati ad usare la fattura elettronica?

Una volta effettuata la scelta di usare la fattura elettronica, l’opzione ha effetto dall’inizio dell’anno solare in cui è esercitata fino alla fine del quarto anno solare successivo e, se non revocata, si estende da un quinquennio all’altro.

I dati derivanti dalle fatture trasmesse potranno essere utilizzati dalle Entrate per incrociare i dati con le altre banche dati a sua disposizione, ciò vuol dire che essi saranno utilizzabili anche per eventuali accertamenti.

note

[1] D.Lgs 127/2015, art.1.

[2] Articolo 3, comma 3, del Dpr 322/1998


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI