Business | Articoli

Cellulari, occhio ai falsi: lo è 1 su 5

30 Marzo 2017
Cellulari, occhio ai falsi: lo è 1 su 5

L’Ocse lancia l’allarme: un telefono su cinque tra quelli circolanti è falso! 

Un telefono su cinque, acquistato all’estero e spedito tramite corrieri potrebbe esser falso. L’Ocse lancia un preoccupante monito con un rapporto sui falsi.

Smartphone falsi: un mercato parallelo in crescita

Non solo videogame e dischi, la vera novità è il mercato del falso sviluppatosi intorno agli smartphone. Se il mercato dei falsi relativo a videogiochi e cd forse non fa neppure più notizia, tanto siamo abituati a fenomeni di tal tipo, il monito lanciato dall’Ocse preoccupa e come. Un telefono su cinque tra quelli circolanti sul web è falso.

Lo studio dell’Ocse

L’Ocse ha analizzato i dati in vista del Global Anti-Corruption and Integrity Forum che si terrà il 30 e 31 marzo, constatando che circa il 6,5% del commercio di tutti i beni appartenenti alla categoria Ict (Information and Communication Technology) è contraffato.

Un mercato da 143 miliardi di dollari

143 miliardi di dollari: tanto è stato stimato il giro monetario che deriva dalla contraffazione dei prodotti tecnologici. Generalmente i beni sono spediti via corriere o tramite posta, il che rende difficile tracciare il processo e raggiungere il primo mandante.

I prodotti derivano dalla Cina

La Cina è tra i maggiori fornitori dei beni tecnologici contraffatti, mentre a pagarne le spese è principalmente l’industria statunitense, che perde tanto in termini economici dal mancato acquisto, quanto in termini di diritti industriali. Inoltre la diffusione dei falsi comporta anche una perdita di valore del marchio: in altri termini, se so che un prodotto rischia di esser falso, più facilmente indirizzo la mia scelta verso quei prodotti che vengono contraffatti meno.

Come dire…fidarsi è bene, non fidarsi è meglio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube