Business | Articoli

Riforma del catasto: come pagare meno tasse

4 Aprile 2017 | Autore:
Riforma del catasto: come pagare meno tasse

La settimana prossima, con il Piano nazionale sulle riforme, verrà rivoluzionato il calcolo degli estimi catastali: pagherà di più chi ha case di pregio in centro.

Sta per arrivare una riforma che l’Europa chiede da anni: l’aggiornamento dei valori catastali, fermi a quarant’anni fa. È una riforma che scontenterà i proprietari delle case di lusso, ma che farà la gioia di altre categorie di proprietari. E c’è già chi si sta correndo ai ripari per sborsare di meno…

Cosa cambierà con la riforma del Catasto?

Le abitazioni rientreranno sotto un’unica lettera, la «O», come Ordinarie e bisognerà dire addio, quindi, alle A1, A2 e A3, categorie che nei rogiti vengono ancora classificate come «signorili», «civili» o «economiche».

Per la valutazione della rendita si dovrà tenere conto dei metri quadrati e di tutte le caratteristiche che ha l’immobile, come il piano, la presenza di uno o più balconi e dell’ascensore, e non più dei vani.

Stando ad alcune simulazioni realizzate nei giorni scorsi, con i nuovi metodi di calcolo, in media, le rendite catastali raddoppieranno, ma ciò non si tradurrà in un maggiore esborso di tasse, visto che – allo stesso tempo – le aliquote Imu, Iva e Irpef verranno ridimensionate.

Coloro che si troveranno a pagare di più, invece, sono i possessori delle seconde abitazioni, sempre per via di ritocchi sulle aliquote.

I possessori di abitazioni site in periferia o di nuova costruzione – classificate oggi come A2 o A3 – pagheranno di meno, mentre si prevedono maggiori esborsi chi possiede case nei pregiati centri storici classificate come popolari o ultrapopolari e i proprietari dei rustici trasformati in ville.

Dove si pagherà di più?

I maggiori aumenti si dovrebbero verificare per le abitazioni di tipo civile di Milano, Napoli e Roma, mentre dovrebbe esserci un aumento più contenuto a Torino. Per le abitazioni di tipo economico, invece, il vero boom dovrebbe concentrarsi a Milano, Venezia e Napoli.

E le prestazioni sociali?!

Da rilevare infine l’aggravio che subiranno le prestazioni sociali. Gli asili nido, chi richiede sconti sulle utenze o su gli abbonamenti dei mezzi di trasporto, vedrà scattare degli amenti che si potrebbero definire “indiretti”. Questi, infatti, vengono concessi a chi ha una certa soglia di reddito Isee. Con l’aumento delle rendite, però, il valore Isee è destinato a crescere e, di conseguenza, arrecherà un aggravio ai richiedenti delle agevolazioni. Sempreché non siano previste ulteriori modifiche alla riforma…

Come pagare meno tasse?

Chi è interessato all’acquisto di una casa e in questo periodo sta contrattando per portare a termine una compravendita, farebbe bene a considerare i dettami che imporrà la nuova riforma, preferendo – al fine di contenere l’importo delle future imposte e tasse – i metri quadrati e le caratteristiche dell’immobile, piuttosto che il numero dei vani.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube