Business | Articoli

Catasto, le consultazioni ipotecarie sono gratis

8 Aprile 2017
Catasto, le consultazioni ipotecarie sono gratis

Se a richiederle è il titolare del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento, la consultazione è gratis. Lo precisa l’Agenzia delle Entrate.

In estrema sintesi, è questo il contenuto della Circolare [1] rilasciata qualche giorno fa dall’Agenzia delle Entrate sulle modalità di accesso ai servizi di consultazione delle banche dati ipotecarie e catastali, che può avvenire sia per via telematica che direttamente presso gli uffici. In particolare, l’Agenzia chiarisce che le consultazioni “personali” godono di una specifica esenzione dai tributi speciali e dalle tasse ipotecarie normalmente dovuti.

L’Agenzia aveva già chiarito [2] quali sono le consultazioni “personali”, specificando che il previsto requisito è correlato, per quanto concerne le visure catastali, al soggetto richiedente. È necessario che «sia iscritto negli atti del catasto e risulti riportato, al momento della richiesta, fra gli intestatari catastali degli immobili oggetto di consultazione».

Cosa dice l’Agenzia delle Entrate

Sono esenti, in altre parole, dal pagamento di tributi tutti i titolari, anche per quota, del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento sul bene cui è riferita l’ispezione, come le consultazioni relative a ipoteche iscritte a carico del richiedente (un esempio: su immobili di cui è proprietario o usufruttuario).

Ma precisa, anche, che non sono invece esenti le consultazioni relative a iscrizione d’ipoteca e trascrizioni di sequestri, pignoramenti e domande giudiziali a favore del richiedente.

Come anticipato, la consultazione può essere fatta direttamente presso gli uffici o per via telematica. Alle persone fisiche basta collegarsi tramite i servizi Fisconline o Entratel e accedere con le credenziali di autenticazione rilasciate dall’Agenzia delle Entrate e il codice Pin (per sapere come ottenerlo consulta il nostro approfondimento Cos’è il Pin dispositivo Inps?.


note

[1] Circolare N.3/E del 24 marzo 2017

[2] Circolare n. 4/T del 2012


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube