Business | Articoli

Monete thailandesi o 2 euro? Come riconoscerli

8 Aprile 2017
Monete thailandesi o 2 euro? Come riconoscerli

Sempre più frequenti i casi di scambio. Ne hanno già dato l’allarme Striscia la Notizia e il Corriere della Sera. Ecco come riconoscerli ed evitare la truffa.

Quelli più colpiti sono, naturalmente, i commercianti e i titolari delle piccole attività. E, a quanto riportano i quotidiani, si tratta di una “truffa” diffusa soprattutto nelle grandi città, a Roma e Milano. Dove, non solo il copioso flusso di clienti non consente un’attenta analisi del resto, ma i numerosi distributori automatici presenti, magari dotati di una tecnologia imperfetta, accettano le monete thailandesi al posto dei 2 euro.

Striscia la Notizia si era occupata del caso diverso tempo fa, mostrando come la biglietteria automatica di una stazione ferroviaria accettasse i bath in sostituzione degli euro…

Roma, una città tra le più colpite

A dare l’allarme della truffa sono stati, nei giorni scorsi, i commercianti della Capitale, con un passaparola che è arrivato velocemente ai mezzi di stampa. Le due monete, infatti, sono molto simili, tali da portare all’inganno diversi esercenti. Una somiglianza che ha cagionato non pochi danni, e non solo a Roma.
Negli anni scorsi anche i commercianti e i baristi della Campania e della Sardegna avevano lanciato l’allarme, scottati, soprattutto, dal ribasso dei guadagni derivante dai distributori automatici; prime vittime di un raggiro che costa, e non poco: una moneta da 10 centesimi di bath thailandesi vale all’incirca 25 centesimi di euro.

Come riconoscerle?

Riconoscere le due monete non è semplice. Entrambe hanno un cerchio dorato al centro e un anello argentato attorno. Sono identiche anche per dimensioni, diametro e peso, circa otto grammi e mezzo. L’unico sistema per riconoscerlo sembra dare un’occhiata alle immagini imprese: i baht hanno da un lato il profilo di un sovrano e dall’altro un tempio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube