Business | Articoli

Guida all’acquisto della casa: costi e benefici

23 Aprile 2017 | Autore:
Guida all’acquisto della casa: costi e benefici

L’Agenzia delle Entrate spiega quali sono i passi da compiere per l’acquisto di una nuova abitazione: tra agevolazioni e imposte.

Abbiamo intenzione di comprare una casa: come ci si comporta? Ce lo spiega direttamente l’Agenzia delle Entrate con la Guida per l’acquisto della casa: le imposte e le agevolazioni fiscali, un vademecum che accompagna il contribuente dal calcolo delle imposte ai requisiti per le agevolazioni fiscali.

Prima dell’acquisto, i dati catastali

Iniziamo dal principio. Prima di compare casa – spiega la Guida – è opportuno raccogliere più informazioni possibili sull’immobile, partendo dalla situazione catastale e ipotecaria. A tal fine, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione alcuni servizi online utili di cui avevamo già parlato, come, per esempio, quello dell’ispezione ipotecaria, che consente di individuare, gratuitamente, il proprietario dell’immobile, nonché di controllare se ci siano ipoteche o pendenze.

Poi, il contratto preliminare

Secondo passo, è decidere di procedere o meno alla stipula del contratto preliminare, quell’accordo – in poche parole – tra venditore e compratore in cui i due si impegnano a stipulare un successivo e definitivo contratto di compravendita.

Sul contratto preliminare è importante sapere che deve essere redatto per iscritto, tramite una scrittura privata, una scrittura privata autenticata o un atto pubblico; deve essere registrato entro 20 giorni dalla sottoscrizione, pagando l’imposta di registro (200 euro) e l’imposta di bollo (2 marche da bollo da 16 euro).

Le imposte da pagare

La guida riporta anche i costi e specifica che le imposte da versare variano in base al tipo di venditore, che sia un privato o un’azienda e che l’acquisto venga effettuato in presenza o meno dei benefici «prima casa».

Nello specifico, se il venditore è un privato o un’impresa, con vendita esente da Iva, l’acquirente dovrà pagare l’imposta di registro nella misura proporzionale del 9%, l’imposta ipotecaria e l’imposta catastale (50 euro). In caso contrario, chi acquista è tenuto a versare l’Iva al 10%, più le imposte di registro, ipotecaria e catastale (200 euro ciascuna).

Per quanto concerne i requisiti, nel caso del venditore privato o dell’impresa esente da Iva, saranno dovute l’imposta di registro proporzionale nella misura del 2%, l’imposta ipotecaria e quella catastale (50 euro).

Se la vendita è soggetta ad Iva, sono dovute l’imposta di registro, quella ipotecaria e quella catastale (200 euro), più Iva ridotta al 4%.

Anche il contribuente che è già proprietario può avvalersi del beneficio fiscale, a condizione che la casa posseduta sia venduta entro un anno dal nuovo acquisto. Se questo non avviene, si perdono le agevolazioni usufruite per l’acquisto dell’immobile (più una sanzione del 30%).


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube