Business | Articoli

Targa estera? Niente multa se non è assicurata!

3 maggio 2017


Targa estera? Niente multa se non è assicurata!

> Business Pubblicato il 3 maggio 2017



Secondo il Ministero dell’Interno per i veicoli con targa estera l’obbligo di assicurazione nel territorio italiano si considera automaticamente assolto.

Nuove disposizioni per quanto riguarda le multe in relazione all’assenza di copertura assicurativa sulle vetture con targa estera.

Secondo una nota del Ministero dell’Interno diffusa lo scorso 3 aprile per i veicoli muniti di targa estera appartenente a uno degli Stati indicati nel Decreto Ministeriale [1] non è obbligatorio dimostrare la regolare copertura assicurativa del mezzo.

Questo significa che non saranno applicabili le sanzioni previste [2] neppure nel caso in cui non si sia proceduto all’obbligo di munire il veicolo, circolante in Italia da oltre un anno, di targa e documenti italiani.

Tutto nasce da accordi e normative internazionali

Sicuramente questa nuova normativa potrebbe incentivare quelle persone che utilizzano già una targa estera per sfuggire agli obblighi di legge, alle rilevazioni automatiche delle infrazioni stradali, al pagamento delle tasse sul veicolo e, ovviamente, all’obbligo assicurativo, ma l’intervento del Ministero dell’Interno è stato sollecitato in seguito alla richiesta del Consorzio Municipale di Padova Ovest sulla possibilità di applicare o meno, anche ai veicoli con targa straniera, le sanzioni indicate dal Codice della Strada in caso di mancanza di RC auto.

Da precisare che la circolare del Ministero dell’Interno non è frutto di un’iniziativa italiana. Tutto nasce da accordi e normative internazionali con prima la «convenzione tra gli uffici nazionali di assicurazione degli stati membri dello Spazio economico europeo e di altri stati associati» del 30 maggio 2002, che ha reso non più necessaria la carta verde per circolare nei paesi firmatari; poi con la decisione della Commissione Europea.

Cos’è la copertura presuntiva

Il Ministero, inoltre, insieme all’Ufficio Centrale Italiano, ricorda che per i veicoli muniti di targa di immatricolazione in uno degli Stati autorizzati è valido il principio della cosiddetta «copertura presuntiva» per cui l’obbligo di copertura assicurativa risulta automaticamente assolto, e la Polizia non dovrà neppure effettuare il controllo dei documenti assicurativi.

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.


note

Autore immagine: Google Immagini

[1]  D.M. n. 86/2008.

[2] C. S. art. 193.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI