Business | Articoli

Lavoro: voucher sostituiti dal libretto familiare

11 Maggio 2017
Lavoro: voucher sostituiti dal libretto familiare

Importanti novità riguardano la legislazione sul lavoro: allo studio una nuova carta prepagata in sostituzione dei voucher.

Novità importanti arrivano in merito all’abolizione dei voucher, che ha creato non poche polemiche, e alla nascita di nuove opzioni sostitutive.

Per ovviare al vuoto normativo il Governo avrebbe allo studio uno strumento chiamato «libretto familiare», che andrà a prendere il posto dei precedenti buoni lavoro attraverso una carta ricaricabile. Una sorta di carta prepagata per assicurarsi le prestazioni, rigorosamente saltuarie, quindi senza carattere di continuità, di colf, badanti e baby sitter.

Il nuovo strumento dovrebbe arrivare con la cosiddetta “manovrina di primavera” e prevede che le famiglie possano regolare tali situazioni attraverso un’apposita area riservata online, gestita direttamente dall’Inps. I voucher venivano acquistati prima di decidere come usarli, ossia chi pagare, mentre il nuovo meccanismo dovrebbe prevedere l’intestazione al lavoratore e l’importo da versare. In questo modo, anche se in forma semplificata, il rapporto di lavoro assomiglierà a un contratto vero e proprio. Il sistema è stato studiato anche per una trasparenza, contro l’evasione, e consentirebbe al datore di lavoro, cioè alle famiglie, di scaricare dalle tasse un parte della spesa. E questo, però, anche il punto più critico: servono le coperture e bisognerà capire come il governo troverà i fondi.

Il lavoro a chiamata per le imprese

Sempre tramite il medesimo emendamento, dovrebbe arrivare una soluzione anche per le imprese. La previsione è quella che per le aziende si possa ricorrere a un contratto definito «leggero», una sorta di «lavoro a chiamata soft» che potrà essere perfezionato online sempre tramite il sito gestito dall’Inps.

Anticipato inoltre un tetto massimo di utilizzo, cioè non oltre 400 giorni in tre anni, a pena di assunzione vera e propria del lavoratore. Infine, modifiche arriveranno anche sul fronte del lavoro a chiamata vero e proprio che potrà essere utilizzabile per tutti i lavoratori, a seguito della cancellazione degli attuali limiti di età (meno di 24 anni e più di 55).

Differenza tra voucher e lavoro a chiamata

Il lavoro a chiamata, sia nella versione classica sia in quella leggera, ha un costo che va dai 20 ai 25 euro l’ora contro i 10 dei vecchi voucher. In pratica, quasi il doppio. Sempre a differenza dei vecchi buoni, prevede contributi previdenziali più alti e quindi più vantaggioso in ottica pensionistica.


note

Autore immagine: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube