Business | Articoli

Quali beni il Fisco non può pignorare?

18 Maggio 2017 | Autore:
Quali beni il Fisco non può pignorare?

Ci sono beni e beni. Alcuni pignorabili, altri no. Si evita, in pratica, di colpire quelli di prima necessità per salvaguardare la dignità del debitore…

È risaputo: ci sono beni che non possono essere pignorati, visto che il legislatore ha la volontà di tutelare la dignità del debitore. Ma quali sono nello specifico? E cosa si intende per beni di prima necessità?

Beni non pignorabili

I beni che il legislatore ritiene impignorabili sono quelli di prima necessità, quali ad esempio:

  • vestiti, biancheria, letti, tavoli e sedie, posate e utensili, armadi, cassettiere, frigoriferi, stufe e fornelli a gas o elettrici, lavatrici;
  • commestibili e combustibili necessari a coprire il fabbisogno di un mese;
  • libri, attrezzi e oggetti indispensabili (vedi computer) allo svolgimento dell’attività lavorativa e armi utilizzate per l’adempimento di un pubblico servizio.

Ci sono beni che non possono essere pignorati perché rivestono un valore affettivo e morale, come: la fede nuziale, gli oggetti sacri o necessari alla professione del culto religioso, le decorazioni al valore, la corrispondenza, gli scritti di famiglia e i manoscritti, purché non appartengano a collezioni di pregio.

E per concludere, non possono essere pignorati neanche gli animali di affezione o da compagnia tenuti presso la casa del debitore o negli altri luoghi a lui appartenenti, senza fini produttivi, alimentari o commerciali, nonché gli animali impiegati ai fini terapeutici o di assistenza del debitore, del coniuge, del convivente o dei figli.

La prima casa può essere pignorata?

Più che prima casa, in questo caso occorre parlare di unica casa. Equitalia, infatti, non può pignorare l’unica casa del debitore a condizione che:

  • sia l’unica abitazione del debitore nella quale ha la residenza;
  • non si tratti di un immobile di lusso, accatastato A/8 e A/9 (ville e castelli).

Nel caso manchi anche una di queste condizioni lo stato può procedere al pignoramento sempre che il debito sia superiore a 120 mila euro.

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.


note

Autore immagine: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Salve,io e mio marito abbiamo 64 e 65 anni,non abbiamo nessuna pensione e mio marito per lavorare ha dovuto aprire una partita iva.Fa le pulizie per una ditta e fattura 800€ al mese,paghiamo un affitto di 400€ al mese,le bollette e le medicine per me che ho il diabete.Non ci è mai stato possibile pagare fisco e altro perchè il lavoro che avevamo prima non ci faceva guadagnare abbastanza,in quanto le spese erano troppo alte,quindi debiti con banche e fisco.Come dobbiamo fare per non avere il pignoramento del conto corrente?Grazie per la risposta

Rispondi a Lia Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube