Business | Articoli

Falso WhatsApp.com installava adware sul Pc

22 Maggio 2017
Falso WhatsApp.com installava adware sul Pc

Un sito web con una Url simile a quella del portale del client di messaggistica più diffuso al mondo, diffondeeva un adware fastioso…

Negli scorsi giorni era stato messo in Rete un nuovo sistema di phishing che indirizzava gli utenti su un sito che, a un occhio poco attento, poteva sembrare corretto. Sfruttando i caratteri dell’alfabeto cirillico, infatti, gli ignari utenti venivano indirizzati su шһатѕарр.com, che – come si può constatare – usa due lettere simili a una ‘w’ e a una ‘t’, e rimandati su una pagina creata ad-hoc.

Ad avvistare il sito fraudolento è stato un utente, facendo notare come il portale fake spingeva all’installazione di un’estensione che prometteva nuovi colori per la finestra di WhatsApp Web. Visitando la pagina, poi, si invogliava l’utente a condividere il tutto con amici e conoscenti a scopo di “verifica”, inviando loro, però, un messaggio di spam sullo stile “amo i nuovi colori per WhatsApp” (in lingua inglese). Il tutto naturalmente corredato con l’Url fake.

Black Whats

Completate le procedure, veniva installata un’estensione da Chrome Web Store chiamata Black Whats, contenente una serie di fastidiosi adware. Ad ogni modo, Google è già intervenuta sulla faccenda eliminando la minaccia, al fine di mettere al sicuro i propri utenti.

Riconoscere Url fake

Le procedure utilizzate per installare l’adware sono ben note a chi utilizza senza troppa timidezza il Web quotidianamente. Tuttavia, non tutti hanno una preparazione tale da “sapersi difendere” da certe meccaniche. Certo, in questo caso, sarebbe stato sufficiente osservare con attenzione l’Url contraffatto, o semplicemente non fidarsi del suggerimento (non richiesto) relativo all’installazione dell’estensione… Molte grandi compagnie, in ogni caso, sono ormai passate al protocollo https, caratteristica da controllare per verificare l’attendibilità di un sito web appartenente ad una grossa realtà.

Ti consigliamo di leggere anche: Nuovo virus su WhatsApp: come difendersi.

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.


note

Autore immagine: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube