Business | Articoli

Mutuo a tasso fisso o tasso variabile. Quale conviene oggi?

10 Giugno 2017
Mutuo a tasso fisso o tasso variabile. Quale conviene oggi?

Grazie a un indice Irs in aumento e un Euribor negativo ormai da tempo, tornano in auge le soluzioni a tasso variabile

Quando si acquista casa e si decide contestualmente di accendere un mutuo, è probabilmente la prima domanda che viene posta: “Tasso fisso o tasso variabile?”. Per non farsi trovare impreparati e poter così operare una scelta informata, che vincolerà per diversi anni, è importante conoscere prima di tutto in cosa consistono, le differenze e le prerogative di queste due soluzioni. Consapevoli che, comunque, il vantaggio di una o dell’altra dipende dal profilo economico del sottoscrittore, dalle sue aspettative economiche a breve e a lungo termine e, soprattutto, dalla situazione dei mercati finanziari nel momento in cui viene richiesto il mutuo.

Fisso e variabile, le differenze

Nei mutui a tasso fisso, il tasso d’interesse rimane invariato per tutta la durata del mutuo, anche nel momento in cui dovessero insorgere dei cambiamenti nei mercati finanziari: la rata viene definita all’inizio e rimane bloccata fino alla fine del prestito. Questo perché l’ammontare del tasso fisso è legato all’Irs (Euro interest rate swap) e allo spread imposto dalla banca, ossia al guadagno che quest’ultima trarrà dall’operazione. Entrambi ben definiti e non modificabili dal momento successivo alla sottoscrizione del prestito. Bisogna tener comunque presente che l’Irs è un valore che cambia giorno per giorno, ragion per cui è molto importante, per la definizione del tasso fisso, il momento in cui si accende il mutuo.

Al contrario, nei mutui a tasso variabile il tasso di interesse non rimane sempre lo stesso, essendo legato a due parametri: allo spread, che corrisponde, come nel caso del tasso fisso, al margine di guadagno della banca nella concessione del prestito, e all’Euribor (Euro Interbank Offered Rate), che equivale all’attuale costo del denaro per le banche. Quest’ultimo parametro è soggetto a variazioni temporali. Quindi, la banca, ogni uno, tre, sei o 12 mesi – in base a quanto specificato nel contratto del prestito – verifica il nuovo valore dell’Euribor e provvede ad aggiornare la rata del mutuo.

Per saperne di più sulle differenze tra i vari tipi di mutuo ti consigliamo la nostra guida Come scegliere il mutuo: guida per i non addetti ai lavori.

Interessi e tassi del mutuo: la situazione attuale

Attualmente il fisso sta salendo, anche se in maniere moderata, risultando meno conveniente che in passato. Questo a causa del generale incremento dei rendimenti, fortemente connessi alla ripresa economica e alle politiche dei Paesi europei ed extra europei, che ha provocato una rapida ascesa degli indici di riferimento Irs: dallo 0,70 di fine settembre 2016 all’1,44 di marzo 2017. E, con queste premesse, l’Irs potrebbe continuare ad aumentare ulteriormente.

Di contro, sul fronte dei mutui a tasso variabile la situazione appare piuttosto stabile: l’Euribor, infatti, è ormai negativo dal 2015 e oggi è ancora in lieve calo. Inoltre, bisogna considerare che con ottima probabilità resterà negativo anche per tutto il 2017 e inizio prossimo anno.

Ecco quindi perché, anche se negli ultimi anni entrambe le tipologie di mutuo abbiano mostrato miglioramenti sensibili in termini di convenienza, sembrano tornare a far gola le soluzioni a tasso variabile.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube