Business | Articoli

Il visore per le persone con gravi problemi alla vista

9 Giugno 2017
Il visore per le persone con gravi problemi alla vista

e-Sight è un dispositivo pensato per quei soggetti considerati come legalmente ciechi, e in futuro potrebbe essere inserito in occhiali e lenti a contatto.

Periferiche quali i visori sono uno degli argomenti più chiacchierati e discussi degli ultimi tempi. Le applicazioni e le speculazioni riguardo questo genere di prodotti sono infatti sempre più numerose, specialmente ora che anche Microsoft si è fatta avanti nella contesa ribadendo come, attualmente, la realtà virtuale sia l’ultima frontiera. Tutto questo ha portato allo sviluppo degli occhiali hi-tech e-Sight 3: telecamere, software, sensori e due piccoli schermi sono gli elementi dell’azienda eSight Corporation che permetteranno agli ipovedenti di vedere meglio. Le microtelecamere rilevano e inviano a due monitor Oled le immagini così da avere, a poca distanza dai propri occhi, un’immagine più nitida e migliorata della realtà che ha di fronte. È un passo in avanti importante verso nuove e ancora migliori applicazioni: gli sviluppatori di e-Sight hanno infatti anche lavorato alla soluzione di problemi abbastanza comuni con le tecnologie, come il senso di nausea o la perdita di equilibrio.

Come nasce eSight

La macchina, attualmente in produzione, permette di correggere una lista di difetti visivi quali la degenerazione maculare, l’albinismo, glaucoma e, più in generale, diverse cause che possano portare a contrarre una condizione di cecità legale, o ipovisione: nasce grazie all’ingegnere Conrad Lewis, spronato ad affrontare le problematiche dei disturbi della vista “delle sue due sorelle, entrambe affette da gravi deficit alla vista.

Questo fenomeno è in crescita negli ultimi anni: si stima che al mondo ci siano circa 300 milioni persone affette da ipovisione, ossia da una significativa riduzione della vista, quasi al limite della cecità. In Italia sono almeno 1.2 milioni e devono affrontare numerose sfide quotidiane, e tecnologie come gli e-Sight promettono un significativo aiuto.

Funzione di eSight

Dalla montatura interna simile a quella di un paio di occhiali correttivi, l’apparecchio è formato da un visore esterno e un telecomando ad esso collegato. Tramite quest’ultimo sarà possibile regolare molte impostazioni al fine di fruire di una visione a noi confortevole, o utile ai nostri scopi.

Già, perché non solo l’eSight Eyewear promette di ridare la vista a chi ne è privo, ma anche di scegliere il modo in cui riaverla: sarà quindi possibile usare una funzione ingrandimento dell’immagine fino a 14 volte la grandezza originale, salvare istantanee e memorizzarle all’interno del visore, regolare la luminosità, la nitidezza e anche applicare diversi filtri cromatici. Una volta percepita l’immagine, l’apparecchio la trasmetterà su due piccoli schermi interni posti dinnanzi alla montatura delle lenti, opportunamente corretta al fine di risultare visibile anche a chi soffre di problemi visivi.

eSight: quando sul mercato?

Attualmente la tecnologia è in fase di controllo e certificazione da parte degli enti americani e canadesi, avendo già comunque guadagnato l’approvazione del Fda, la Food and Drug Administration (Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali), organizzazione nazionale che si occupa oltreoceano di regolamentare prodotti alimentari e clinici. La ricerca, naturalmente, continua: il visore canadese, come altre soluzioni simili, non funziona per tutte le malattie oculari. Gli esperti dichiarano comunque che il dispositivo ha il 50% di possibilità di successo nelle gravi malattie alla vista. E già questo è un ottimo data di partenza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube