Business | Articoli

I robot ci rubano il lavoro: le professioni più a rischio

16 Giugno 2017
I robot ci rubano il lavoro: le professioni più a rischio

Will Robots take my job? Il sito che calcola la percentuale di rischio di perdita del lavoro a causa della tecnologia. Ecco chi rischia di più.

Secondo uno studio dell’università di Oxford, il 47% dei lavori che conosciamo scomparirà nei prossimi due decenni: si estingueranno tutte le professioni che possono essere sostituite da Internet, affidati a una app o a un robot o facilmente delocalizzate.

Dunque perdere il lavoro per l’avvento dei robot, un tempo previsione futuristica e fantascientifica, oggi scenario temuto da molti e, in alcuni casi, già messo in atto. L’evoluzione tecnologica nel mondo del lavoro avanza a ritmi incalzanti e sono in molti a chiedersi quali saranno le prime professioni in cui le macchine prenderanno il posto degli uomini.

Robot sostituiscono i lavoratori: aumenta la disoccupazione?

Non necessariamente ci sarà un aumento della disoccupazione, bensì un cambiamento del mercato del lavoro, che richiederà professionalità diverse. Resisteranno prevedibilmente i lavori altamente qualificati e quelli creativi: ingegneri, programmatori, stilisti e scrittori n futuro saranno ancora tra noi. Così per quelli poco qualificati, ma non sostituibili: spazzini, parrucchieri, badanti.

Ma per alcuni lavori manuali la sostituzione è già avvenuta, almeno in misura limitata basta pensare ai self service nelle pompe di benzina e alle casse automatiche presso i caselli autostradali. In molti sminuiscono il problema sostenendo che le macchine affiancheranno gli uomini. Dall’altra parte c’è invece chi ipotizza robot operativi in settori creativi. Dunque quali sono i lavori più a rischio?

Will Robots take my job?

La risposta ci viene data da un sito web pensato apposta per dirci quel è la nostra percentuale di rischio di perdita del nostro lavoro: «Will Robots take my job?» un algoritmo creato da  Mubashar Iqbal e Dimitar Raykov.  Il sito che cerca di prevedere proprio in che modo e con quali tempi le macchine prenderanno il posto degli uomini. Il portale contiene anche una lista delle professioni più a rischio: il cassiere con 97% di probabilità è in testa, e la cosa non rappresenta una sorpresa visto che in molti punti vendita coesistono già con le casse automatiche; al secondo con 94% cuochi e al terzo gli impiegati nella vendita al dettaglio con il 92%. Altre categorie a rischio potrebbero essere i bigliettai del treno, che con un semplice click il biglietto del treno è nostro, senza code allo sportello o corse dell’ultimo minuto e senza controlli. Senza dimenticare insegnanti, ormai la rete è affollata di lezioni e-learning e sarà un’opzione sempre più apprezzata dagli universitari di tutto il mondo, e traduttori , Google Translator è il ruba il mestiere agli odierni professionisti delle lingue.

Chi paga le tasse?

Come si vuol dire, chi vivrà vedrà e in tal caso, varrebbe prendere in seria considerazione le parole del co-fondatore di Microsoft, Bill Gates, secondo cui «i robot che svolgono lavori umani dovrebbero pagare le tasse».


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube