Business | Articoli

Manovra correttiva: ecco le novità

27 Giugno 2017


Manovra correttiva: ecco le novità

> Business Pubblicato il 27 Giugno 2017



Tassa di soggiorno per le abitazioni private, split payment ai professionisti, Srl come le start-up innovative, patent box, nuovi voucher: tutti i dettagli. 

La manovra correttiva alla Legge di Bilancio 2017 è stata definitivamente approvata e pubblicata in Gazzetta Ufficiale [1]: al suo interno tante novità che riguardano il fisco e le imprese, oltre a numerosi temi di particolare interesse per professionisti e lavoratori. Ecco i dettagli.

Lo split payment ai professionisti

Estensione dello split payment ai professionisti e a tutte le società della Pubblica Amministrazione e alle società quotate nel Ftse Mib: viene esteso l’insieme dei soggetti che devono trattenere l’Iva nei confronti di soggetti pubblici e versarla direttamente all’erario. La norma coinvolge anche i professionisti che in passato erano stati esclusi da questo meccanismo.

Web tax transitoria

Tra le novità da segnalare vi è la cosiddetta Web tax transitoria: una norma transitoria che prevede un accordo preventivo rafforzato tra le multinazionali del Web e il Fisco che si attua a tutti i gruppi con ricavi consolidati superiori a 1 miliardo di euro e che effettuino cessioni di beni e prestazioni di servizi nel territorio dello Stato per un ammontare superiore a 50 milioni di euro.

Affitti brevi o tassa Airbnb

Vengono introdotti nuovi adempimenti per le locazioni brevi, più precisamente per i contratti di locazione di immobili ad uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni, ivi inclusi quelli che prevedono la prestazione dei servizi di fornitura di biancheria e di pulizia dei locali, stipulati da persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, direttamente o tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, anche attraverso la gestione di portali online. Dunque i portali come Booking.com e Airbnb, anche se senza stabile organizzazione in Italia, dovranno nominare un rappresentante fiscale in modo da poter agire da sostituti di imposta e richiedere la cedolare secca al 21% a nome del fisco. La nomina di un rappresentante fa emergere l’impresa anche ai fini della Web tax.

Le case private sono inoltre equiparate agli hotel, dunque anche per tali strutture sarà previsto il pagamento della tassa di soggiorno da parte del turista.

Per ulteriori informazioni ti consigliamo di consultare, tra gli altri, Affitti turistici: Airbnb pagherà le tasse!.

Ape sociale

L’Ape sociale consiste in un assegno pari alla pensione ma comunque di importo lordo non superiore a 1.500 euro mensili, che viene riconosciuto a determinate categorie di lavoratori a partire da almeno 63 anni di età e fino al raggiungimento della pensione di vecchiaia o alla pensione anticipata. La manovra stabilisce i termini per la presentazione della domanda, per ulteriori dettagli consigliamo di consultare Ape sociale: al via le domande, come fare.

I voucher : libretto famiglia e PrestO

Sul fronte del lavoro e della previdenza, la novità più rilevante della manovra è la reintroduzione dei voucher. I buoni vengono diversificati a seconda che l’utilizzatore siano le famiglie con il «Libretto di famiglia»  e «PrestO» il contratto di prestazione occasionale (Lavoro occasionale: nuovi voucher al via). La norma prevede che le attività occasionali siano esenti da imposizione, ma con copertura previdenziale, assicurativa e infortunistica. Ogni lavoratore non può guadagnare, in modo occasionale, più di 5mila euro l’anno di cui massimo 2.500 euro da uno stesso committente. Il committente ha un limite di spesa annua per lavoratori occasionali pari a 5mila euro, e per uno stesso lavoratore ha un limite di 2.500 euro l’anno.

Patent box

Nel testo della legge di conversione è stata, poi, confermata anche l’esclusione dei marchi d’impresa dal campo di applicazione del Patent box. La modificata alla disciplina del Patent box, inoltre, include, tra i redditi che beneficiano del regime speciale anche quelli che derivano dall’utilizzo congiunto di beni immateriali, legati da vincoli di complementarietà, a specifiche condizioni di legge. L’esclusione vale solo per le istanze presentate dal 2017, equiparando soggetti “solari” e non. Per le istanze presentate nel 2015 e nel 2016, i soggetti beneficiari potranno quindi fruire dell’agevolazione sul marchio per tutto il quinquennio (fino al massimo al 2012). Per ulteriori informazioni sul Patent Box ti consigliamo di consultare Patent box: anche per i marchi in registrazione e anche Patent Box: agevola tutela marchi, brevetti, processi.

Nuove agevolazioni alle Pmi

La manovra correttiva alla Legge di Bilancio prevede inoltre l’estensione a tutte le Pmi in forma di Srl delle agevolazioni previste per le Start up innovative: sono dirette a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico, la nuova imprenditorialità e l’occupazione, in particolare giovanile. Dunque anche le Pmi-srl al pari delle Pmi-Spa e delle start-up innovative potranno da ora essere ammesse al crowdfunding ovvero alla raccolta di capitali attraverso anche portali on line. Per saperne di più Crowdfunding anche per le Srl.

note

[1] D.L. n. 50/2017, convertito definitivamente nella L. n. 96/2017, G.U. Serie Generale n. 144 del 23.06.2017 – Suppl. Ord. n. 31.

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI