Business | Articoli

Facebook Inps: occhio alle notizie false

29 Giugno 2017
Facebook Inps: occhio alle notizie false

L’Inps ha individuato oltre 50 pagine che utilizzano la parola Inps o il logo dell’Istituto in maniera impropria. Gli indirizzi ufficiali.

Attraverso la direzione centrale relazioni esterne, l’Inps (Istituto nazionale previdenza sociale)  ha diffuso una nota stampa con la quale ha informato tutti gli utenti che nel corso del 2017  ha monitorato e mappato tutte le pagine Facebook che nel titolo fanno riferimento, diretto o indiretto, all’Istituto. Dalla mappatura sono emerse circa 50 pagine che utilizzano la parola Inps o il logo dell’Istituto in maniera impropria.

Notizie fake Inps

Attenzione alle notizie false Inps: la maggior parte contiene informazioni fake o fake news che non hanno alcun carattere di ufficialità. Queste pagine sono state generate da utenti estranei all’ Istituto e non possono essere chiuse perché è impossibile risalire a un fondatore/amministratore.

Lo stesso istituto ha provveduto a fare la segnalazione a Facebook e alla Polizia Postale delle false pagine e dei post contenenti ingiurie e minacce nei confronti dell’istituto e dei suoi dipendenti. Al tempo stesso il presidente Tito Boeri ha inviato una lettera alla direzione del social network in Irlanda, chiedendo la verifica e l’eventuale chiusura delle pagine stesse (leggi anche Come riconoscere le bufale su Facebook e Fake news: il piano di contrasto arriva dal papà del Web).

Pagine Ufficiali Inps

L’Istituto ribadisce che i canali social ufficiali dell’Inps sono Twitter @Inps_it, YouTube Inps e i cinque profili Facebook elencati di seguito:

  • Inps giovani;
  • Inps per la famiglia;
  • Inps per i lavoratori migranti;
  • Inps credito e welfare dipendenti pubblici;
  • Inps portale in progress;

I canali social dell’Istituto sono soggetti a determinate policy di utilizzo.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube