Business | Articoli

Scuola: carenza di docenti al nord Italia

7 Luglio 2017
Scuola: carenza di docenti al nord Italia

Sono moltissime le graduatorie esaurite nelle regioni del centro e del nord Italia: i dettagli.

Le Graduatorie ad esaurimento (Gae) rimangono ferme nonostante in molte regioni scarseggino insegnanti. Ci sono province dove la carenza di docenti nelle Gae riguarda diverse discipline.  A causa delle regole del Miur, infatti, non è possibile per i docenti passare da una provincia all’altra al fine di riempire le eventuali cattedre vuote. Per tale motivo sono centinaia gli insegnanti, inseriti in terza fascia, che stanno già facendo ricorso e chiedono una provincia diversa per le prossime immissioni in ruolo e per le supplenze.

Proprio il Ministro della pubblica istruzione Valeria Fedeli ha ammesso che, grazie alle nuove assunzioni, ci saranno 15mila supplenze in meno ma che alcuni posti non potranno essere coperti perché i docenti in graduatoria sono meno rispetto ai posti disponibili:  la classe di concorso più sguarnita risulta scienze matematiche alle medie.

La notizia arriva in un momento in cui è caos per la gestione delle graduatorie di istituto, perché le segreterie scolastiche non riescono a gestire le migliaia di domande pervenute (leggi Graduatorie di Istituto: la scuola ha caricato la domanda?).

L’Anief accusa il governo

Per l’ Anief a complicare le cose ci si è messo lo stesso Governo Renzi che con il Milleproroghe dello scorso anno ha rimandato al 2019 l’aggiornamento delle Gae. Rimangono illegittimamente al palo i docenti col diploma magistrale, anche a indirizzo linguistico, quelli cancellati che hanno chiesto il reinserimento, i diplomati di Conservatorio e Accademia di belle arti e gli stessi Insegnanti tecnici pratici (Itp).  Marcello Pacifico Presidente dell’Anief così ha commentato: «Il Governo si è infilato da solo in questo vicolo cieco, perché sarebbe bastato riaprire le Graduatorie. Invece, si è preferito tenere la testa nella sabbia. Con le conseguenze negative che ora, oltre al personale, si andranno a riflettere in modo negativo anche sugli alunni, che continuano a essere costretti a cambiare docenti con frequenza annuale. Noi, come sindacato che dalla sua istituzione opera in difesa del personale precario, abbiamo tuttavia deciso di opporci a questa situazione. Anche perché dalla parte dei ricorrenti ci sono diversi pronunciamenti favorevoli del Consiglio di Stato, in fase cautelare o di merito».

Classi di concorso più richieste

Ci sono province dove la carenza di docenti nelle Graduatorie ad esaurimento riguarda diverse discipline. Ecco gli esempi di Torino, Roma, Milano, Napoli e Palermo.

Graduatorie ad esaurimento posti vacanti Roma

Solo a Roma nell’anno 2015 mancavano insegnati per la scuola secondaria di primo grado nelle seguenti classi di concorso: A059 (scienze matematiche), ex A033 (tecnologia), A455 (spagnolo). Mentre nella scuola secondaria di secondo grado non c’è più nessun docente abilitato nelle Gae nella A446 (lingua e civiltà straniera spagnolo).

Graduatorie ad esaurimento posti vacanti Torino e Milano

Nel Piemonte, e in particolare a Torino, la lista di Graduatorie esaurite del 2016 è molto ampia a partire dai docenti di lingua straniera. Nelle scuole medie c’è stata carenza di insegnanti anche nelle classi di concorso: A022 (italiano, storia, educazione civica, e geografia); A001 (Arte e immagine nella scuola secondaria di I grado); A011 (Discipline letterarie e latino); A012 (Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado); A026 (Matematica); A027 (Matematica e Fisica). Inoltra Anief ricorda che la matematica nelle scuole secondarie di primo grado, così come la lingua spagnola, scarseggia in altre province del Nord, a cominciare da Milano e in tutta la Lombardia. Stessa situazione per le province di Bergamo e Mantova.

Graduatorie ad esaurimento posti vacanti al Sud

L’Anief  precisa che anche in province del Sud, come Palermo e Napoli, dove di solito si registra  abbondanza di offerta per docenti e scarsità di posti, i dati sono preoccupanti: mancano gli Itp, i famosi insegnanti dei laboratori disciplinari.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube