Business | Articoli

Abbandonare un cane è reato? Si rischiano sanzioni?

9 Lug 2017


Abbandonare un cane è reato? Si rischiano sanzioni?

> Business Pubblicato il 9 Lug 2017



Il fenomeno degli animali abbandonati non si ferma. Ma cosa si intende specificatamente per abbandono di animali?  Quando è reato?

Sono più di 100mila gli animali che ogni anno vengono abbandonati in seguito alle vacanze estive.  Il fenomeno riguarda sia chi li lascia sul ciglio della strada, sia chi di fatto non se ne prende cura. L’abbandono di animali è punito dal codice penale [1], che stabilisce quanto segue:

  • chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10mila euro;
  • alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze.

Cosa si intende per abbandono di animali?

L’abbandono,  accennato in apertura, non va individuato nella sola precisa volontà di abbandonare l’animale, ma nell’intento più generale di non prendersene più cura nella consapevolezza dell’incapacità dell’animale di provvedere autonomamente a se stesso.

Dunque i comportamenti puniti sono due:

  • l’abbandono effettivo dell’animale: che consiste nel liberarlo in luoghi dai quali si prevede non possa riavvicinarsi all’abitazione in cui era tenuto;
  • la detenzione di animali in condizioni di contrasto con la loro natura e tali da generare in loro sofferenze.

Non prendersi cura dell’animale equivale ad abbandonarlo

Il concetto di abbandono dunque include non solo la precisa volontà di «disfarsi» dell’animale, ma anche quella  di non prendersene cura nella consapevolezza che l’animale stesso sarà incapace di badare a se stesso:  anche quando il proprietario, pur avendo accolto presso di sé l’animale, lo mantiene in condizioni incompatibili con la sua natura, tale da generargli profonda sofferenza, si configura dunque un reato. Si pensi ad esempio a chi lascia l’animale chiuso in auto per numerose ore, soprattutto in estate [2] o a chi lo lascia per giorni solo in giardino,  magari lontano dall’abitazione. La Cassazione ha ritenuto che, quando c’è il pericolo di reiterazione del reato il cane può essere sottoposto a sequestro (si pensi al caso del padrone le cui abitudini lavorative lo possono tenere lontano da casa per diverse ore o giorni).


note

[1] Art. 727 cod. pen.

[2] Cass. sent. n. 36866/2016.

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

2 Commenti

  1. E’ PERCHE’ NON C’E’ L’ESOSA MULTA E’ L’ARRESTO IMMEDIATO A CHI SI APPROPRIA INDEBITAMENTE DEL DENARO ALTRUI;(COMPRESI GLI ARRETRATI E PENSIONI),COSTRINGENDO GLI ANZIANI PENSIONATI AD ELEMOSINARE PER NON MORIRE DI FAME ???
    DIFATTI,PER PERSONALI “TANGIBILI” PROVE;DA OLTRE DUE ANNI;PRECISO,DALL”’01 GIUGNO 2015″,VITTORIA D’APOLITO,DIPENDENTE DELL’UFFICIO POSTALE DI CAGNANO VARANO (FG),HA PRIORI DACCORDO CON IL DIRETTORE E’ LA CRICCA DI MALAFFARE LORO CONSIMILI,SI “APPROPRIARONO INDEBITAMENTE” DEI MIEI ARRETRATI RELATIVI ALLA MAGGIORAZIONE SOCIALE DI SETTE ANNI DELL’ASSEGNO SOCIALE, SCATURITO DA ISTANZA DI “RICOSTITUZIONE” SOLO DA ME INOLTRATA E’ DALL’INPS “ACCETTATA” E’ IL 04/05/2015 COMPILATO IL MOD. TE08,SU CUI E’ SCRITTA LA SOMMA RELATIVA AGLI ARRETRATI SPETTANTI,EQUIVALENTI AD € 14.269,30;(QUATTORDICIMILA,269,30),PER CUI,L’INPS,INVIO’ IL TUTTO ALL’UFFICIO POSTALE PREDETTO,MA GLI INDIVIDUI PREDETTI SI APPROPRIARONO INDEBITAMENTE,E’ NONOSTANTE SIANO TRASCORSI ALTRE DUE ANNI,ANCORA LE ISTITUZIONI PORTATI A CONOSCENZA NON PRENDONO SERI PROVVEDIMENTI PER FARMI “RESTITUIRE IL MALTOLTO” E’ ARRESTARE LA CRICCA DEGLI “IMBROGLIONI-LADRI” E FARMI SOPRAVVIVERE DIGNITOSAMENTE ANZICCHE’ COSTRINGERMI AD ELEMOSINARE PER SOPRAVVIRE PER NON MORIRE DI FAME;AGGIUNGO,IL TUTTO NONOSTANTE LA MIA VENERANDA ETA’ ULTRA 73ENNE,MENTRE I PREDETTI CONTINUANO AD APPROPRIARSI INDEBITAMENTE DEL DENARO DEI PENSIONATI; SI SENTONO DI AVER OTTENUTO IL “NULLAOSTAAAAAAAAAAAAAAAAAAA”???;INOLTRE E’ NON DA MENO,QUALCUNO DELLA CRICCA DI MALAFFARE;(SENZ’ALTRO E’ COSI,AVEVANO CONRDATO),PUR NON AVENDO FATTO NULLA,INOLTRE E’ TUTTO NORMALE E’ ROGOLARE;MI DISSE,”SE MI DAI LA META’ TI FACCIO AVERE TUTTO”;ANCORA TUTTI LIBERI A CONTINUARE A PROPORRE E’ RUBAREEEEEEE.
    CHIEDO VIVAMENTE DI CREARE “LOGICHE”,PER CUI NON LEGGI; SEVERE PER CASI DEL GENERE POICHE’ CASI DI CUI TRATTASI,ACCADONO SPESSO.
    CHIEDO SCUSA DI EVENTUALI ERRORI GRAMMATCALI ED ORTOGRAFICI POICHE’ O FREQUENTATO SOLO LA IV E. PER CRUDELTA’ E’ IGNOBILTA’ DI TERZI.
    IN FEDE CECILIA LOLIVA PINTO PRESIDENTE ASSOCIAZIONE A.N.I.O.P.A. NONCHE’ STUDENTE DETECTIVE.
    P.S.PUR AVENDO SOSTENUTO SVARIATE SPESE PER FONDARE LA PREDETTA ASSOCIAZIONE,ED ESSENDO NOMINATA PRESIDENTE,NON O MAI,RIBADISCO “MAI” OTTENUTO “NULLA” POICHE’ E’ LA CRICCA DI MALAFFARE CON A CAPO DON MICHELE BUENZA CHE HANNO PRESO E’ PRENDONO QUANTO SPETTA A ME E’ FAMIGLIA,AVENDO A PRIORI TRAMATO PER METTERE IN ATTO I LORO PIANI DIABOLICI,CRIMINALI-MAFIOSI,E’ QUANT’ALTRO RELATIVO ALLA DISUMANA INCIVILTA’, FALSIFICATO ATTI E’ FIRME,ECC.,ECC.,PER CUI,LANCIO UN ACCORATO “APPELLO”,PER CORTESIA CELERMENTE CREATE “SERI E’ TENACI” PROVVEDIMENTE PER TRONEGGIARE L’UMNA CIVILTA’ IN TUTTI I SETTORI,
    E’ PRIMA DI ASSUMERE PERSONALE IN QUALUNQUE ISTITUZIONE-ORGANIZAZIONE,BISOGNA FARE SERIE “SELEZIONI” PER CHIUNQUE. GRAZIE PER LA POSSIBILITA’ CHE DATE PER ESPRIMERE LE IDEE DI OGNI SINGOLO CITTADINO TRAMITE I COMMENTI, OLTRE PER POTER ESPORRE
    I CASI “REALMENTE” ACCADUTI.
    ALL’INTERO STAFF PORGO OSSEQUI

    1. CAGNANO VARANO (FG) 22 LUGLIO 2017

      “GRAZIE MILLE” ALL’INTERO STAFF DELL’ORGANIZZAZIONE DELLA, “LA LEGGE PER TUTTI” PER LA PUBBLICAZIONE DEL MIO “REALE” SPREGEVOLE CASO PENIONISTICO ESPOSTO,PER CUI,PRO’,PRO’.

      INOLTRE,AGGIUNGO LO SREGEOLE E,ANOMALO PROSEGUO DEL CASO PENSIONISTICO IN QUESTIONE, DI CUI,OLTRE ALL’APPROPRIAZIONE INDEBITA ESPOSTA NEL PRIMO COMMENTO,DI CUI,PUR NON AVENDO OTTENUTO “NULLA”,POICHE’ RUBATI,PER UN ANNO L’INPS, SULL’ASSEGNO SOCIALE CHE MI EROGAVA,SI TRATTENNE IL 20%,MOTIVANDO CHE MI AVEVANO EROGATO OLTRE €5.000,00 (CINQUEMILA),IN PIU’, NULLA DI PIU’,POICHE’,COME SPECIFICATO GI “AVVOLTOI” DELL’UFFICIO POSTALE,ECC.,ECC., IL 01 GIUGNO 2015,ESEGUIRONO LA TRUFFA;PUO’ DARSI CHE L’INPS,ERA IGNARO DELLA TRUFFA,OPPURE,”HO FORTE SENTORE”,SENZ’ALTRO “MINACCIATO” DA QUALCHE “BELVA” COMPONENTE DELLA CRICCA DI MALAFFARE.
      MA LA CRUDELTA’, ANOMALIE, ILLEGALITA, PERFIDIE, ECC.ECC.,E’ LA “TARANTELLA” NON E TERMINATA; DIFATTI,NEL MIO PORTALE DELL’INPS PER CIRCA UN ANNO SONO APPARSE SIGLE E’ NUMERO DI PENSIONE CHE IO NEANCHE CONOSCO,E’ ALTRE ANOMALIE,E’ DAL 01 NOVEMBRE 2016,L’INPS NON MI EROGA NULLA, RIBADICO “NULLA”,ADDIRITTURA NEANCHE IL “MINIMO VITALE”,(TRA L’ALTRO L.A SOMMA DELL’A.S. CHE RISCUOTEVO NON COPRE NEANCHE TALE MINIMO VITALE);MORALE DELLA FAVOLA ???
      NONOSTANTE LE MIE SACRO SANTE RAGIONI,LA REALTA’,E’ LA “LIMPIDEZZA” L’INPS MI HA CHIESTO IL “RIMBORSO” DI €27.814,81,(VENTISETTE,814,81), SOMMA MAI,RIBADISCO “MAI” OTTENUTA IN PIU’;”ANZI” REALMENTE,MOLTO,MA MOLTO MENO DI QUANTO MI SPETTAVA;IL TUTTO MOTIVANDO CHE L’INPS MI AVEVA EROGATO IN PIU’ TALE SOMMA;MA SE IL DENARO E’ STATO “RUBATO” COME SI PUO’ CHIEDERE IL DENARO AL DERUBATO ANZICCHE’ ALLA CRICCA DEI LADRI ???
      PER CUI,NONOSTANTE SVATIATI RISORSI, SOLLECITI, TELEFONATE, RECLAMI,MI SONO RECATA ALLA SEDE INPS, NONOSTANTE CHE DA VARI MESI RISULTA IN “LAVORAZIONE”,SONO TRASCORSI DIECI MESI ED ANCORA NON OTTENGO IL “RIPRISTINO” DELL.A.S., ANNESSI E’ CONNESSI,E’PER NON MORIRE DI FAME,E’ L’INVERNO DI FREDDO,PER IGNOBILTA’ DEGLI “IMBROGLIONI” MI HANNO RIDOTTA AD “ELEMOSINARE” ALLA VENERATA ETA’ULTRA 73nne.

      PERTANTO,LE CRICCHE DI MALAFFARE,DI CUI A CAPO C’E’ DON MICHELE BUENZA,(HO FORTE SENTORE CHE “ANCHE” NELL’ATTUALE DISPETTO,(POICHE’ NON O MAI ACCETTATO “SPREGEVOLEZZE”),C’E’ PATE PRETE, AVENDO FATTO IL “LAVAGGIO DEL CERVELLO”,HA TANTI,E’ DI CU FA’PARTE ATTIVA, ED IN MODO PARTICOLARE LA CARISSIMA MICIA, MICIA,”PARDON” AMICA ANNA GIOVANNA MURRUCCHELLI;PER CUI, NOTANDO IL VILE E’,ANOMALO “ANZAZZO”,SI SENTONO DI AVER OTTENUTO IL “NULLAOSTA” E’ CONTINUANO FELICI E’ TRANQUILLI HA TRAMARE E’ HA RUBARE”RUBAREEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!

      CHIEDO SCUSA DEGLI EVENTUALI ERRORI GRAMMATICALI ED ORTOGRAFICI POICHE’ O FREQUENTATO SOLO LA VI E. PER CRUDELTA’ E’ IGNOBILTA’ DEI MIEI GENITORI ADOTTIVI E’ LA MAREA DEI DI LORO PARENTI-SERPENTI.
      IN FEDE CECILIA LOLIVA PINTO PRESIDENTE ASSOCIAZIONE ANIOPA SENZA OTTENERE MAI NULLA POICHE’ DON MICHELE BUENZA ALL’ISTANTE FECE “FALSIFICARE ATTI E’ FIRME E’ INCASSA LUI PER REGALARE ALLE MICIE E’ MICI,”PARDON” AMICHEEEEEEEEEEEEEEEEEE E’ AMICIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI