Business | Articoli

Invalidità civile malati oncologici: come funziona?

10 luglio 2017


Invalidità civile malati oncologici: come funziona?

> Business Pubblicato il 10 luglio 2017



Lo Stato assiste i malati oncologici che si trovano in determinate condizioni: tutele, diritti e agevolazioni per i malati di tumore.

Ogni anno, come è tristemente noto, 270 mila cittadini vengono colpiti dal cancro. Quasi il 50% riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti, mentre all’interno dell’altro 50% dei casi una buona percentuale di persone riesce a sopravvivere più o meno a lungo.Il sistema sanitario nazionale supporta chi si trova a dover combattere con questo male, anche perché il malato oncologico, oltre al trattamento terapeutico ha particolari esigenze di tipo giuridico ed economico che gli sono necessarie per vivere più dignitosamente. Vediamo quali sono, partendo dalle tre sono le percentuali generalmente riconosciute di invalidità civile per patologia oncologica: 11%, 70% e 100%.

Invalidità civile per i malati di cancro

Lo Stato assiste i malati oncologici per mezzo del riconoscimento dell’invalidità civile, a prescindere da qualunque requisito assicurativo o contributivo essi abbiano. Sono tre le percentuali di invalidità civile per patologia oncologica [1]:

  • per neoplasie a prognosi favorevole con modesta compromissione funzionale l’11%;
  • per neoplasie a prognosi favorevole con grave compromissione funzionale il 70%;
  • per neoplasie a prognosi infausta o probabilmente sfavorevole nonostante asportazione chirurgica il 100%.

Per essere collocati in una di queste tre categorie e ottenere le conseguenti agevolazioni sarà necessario, una volta appresa la diagnosi, fare domanda di riconoscimento dello stato di invalidità e di handicap presentandola all’Ufficio invalidi civili della Asl di residenza.

Invalidità civile al 100% per i malati di cancro

Per un’invalidità civile del 100%, una persona in età lavorativa dai 18 ai 65 anni, ha diritto:

  • alla pensione di inabilità, erogata per 13 mensilità.
  • all’esenzione dal ticket per farmaci e prestazioni sanitarie.

 

Invalidità civile pari o superiore al 74% per i malati di cancro

Per un’invalidità civile pari o superiore al 74%,  una persona in età lavorativa dai 18 ai 65 anni, ha diritto:

  • all’assegno di invalidità, erogato per 13 mensilità.

Agevolazioni fiscali per i malati di cancro

Il malato di cancro ha diritto all’esenzione totale dal pagamento del ticket per farmaci, visite ed esami appropriati per la cura del tumore da cui è affetto, nonché per le eventuali complicanze, la riabilitazione e la prevenzione di ulteriori aggravamenti [2].

Se l’invalidità civile riconosciuta è del 100% si ha diritto all’esenzione totale, cioè per tutte le prestazioni sanitarie, anche quelle non collegate alla patologia tumorale.

note

[1] D. M. Sanità 05.02.1992.

[2] D. M. Sanità 329/1999.

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI