Business | Articoli

Split payment: elenchi definitivi di chi è assoggettato

29 luglio 2017


Split payment: elenchi definitivi di chi è assoggettato

> Business Pubblicato il 29 luglio 2017



Pubblicate le liste delle società controllate da pubbliche Amministrazioni centrali e locali soggette al regime di pagamento separato. I dettagli.

Si conclude l’iter di definizione per il 2017 del perimetro di applicazione del meccanismo split payment: sul sito del Dipartimento delle Finanze sono stati pubblicati gli elenchi definitivi per l’anno 2017 dei soggetti tenuti all’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti. Per sapere di più sullo spliut payment ti consigliamo di controllare il nostro articolo Split payment fino al 2020 per tutti: cos’è e come funziona.

Gli elenchi tengono conto delle segnalazioni pervenute a seguito delle informazioni divulgate lo scorso 14 luglio dal Mef [1] stesso. Nello specifico sono resi disponibili:

  • l’elenco definitivo delle società controllate di diritto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dai Ministeri e delle società controllate da queste ultime;
  • l’elenco definitivo delle società controllate di fatto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dai Ministeri e delle società controllate da queste ultime;
  • l’elenco definitivo delle società controllate di diritto dalle regioni, province, città metropolitane, comuni, unioni di comuni e delle società controllate da queste ultime;
  • l’elenco definitivo delle società quotate inserite nell’indice Ftse Mib della Borsa italiana.

Nel comunicato del 26 luglio che ha accompagnato la pubblicazione degli elenchi definitivi, il Dipartimento delle Finanze fa alcune precisazioni:

  • i gestori di pubblici servizi, se risultano ricompresi tra le società controllate da pubbliche amministrazioni centrali o locali, sono comunque soggetti allo split payment anche se non destinatari della fattura elettronica;
  • tutte le società ricomprese negli elenchi soggette allo split payment non sono, unicamente per effetto dell’inclusione nello specifico adempimento, obbligate alla fatturazione elettronica;
  • le aziende speciali, non costituite sotto forma societaria, applicano il meccanismo della scissione dei pagamenti nella misura in cui siano destinatari della disciplina sulla fatturazione elettronica obbligatoria.

Il Mef, infine, ribadisce che non verrà pubblicato alcun elenco delle pubbliche Amministrazioni soggette allo split payment; al riguardo si deve fare riferimento all’Ipa, senza però considerare i soggetti classificati nella categoria dei «Gestori di pubblici servizi» poiché non rientranti nell’ambito della disciplina sulla fatturazione elettronica obbligatoria.

note

 [1] Dm del 13.07.2017.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI