Business | Articoli

Bonus Cicogna: chi può chiederlo?

30 luglio 2017


Bonus Cicogna: chi può chiederlo?

> Business Pubblicato il 30 luglio 2017



L’Inps ha pubblicato il bando per i bimbi nati dal 2016. Vediamo a chi è destinato.

In questi giorni l’Inps ha pubblicato un bando per l’erogazione di un contributo economico, per la nascita di bambini: il bonus cicogna 2017, una sorta di bonus bebè. I bonus sono complessivamente in numero di 600 e ciascuno è di importo pari a 500 euro per ciascun richiedente-vincitore. Possono richiedere il bonus esclusivamente per i figli nati nel corso dell’anno solare 2016. Vediamo a chi è riservato.

Bonus Cicogna: a chi è rivolto?

Possono richiedere il bonus cicogna i figli o orfani ed equiparati di:

  • dipendenti del Gruppo Poste Italiane Spa;
  • dipendenti ex Ipost, sottoposti alla trattenuta mensile dello 0,4% di cui all’art. 3, legge 27 marzo 1952, n. 208;
  • pensionati già dipendenti del Gruppo Poste Italiane Spa e già dipendenti ex Ipost.

Bonus Cicogna: come presentare la domanda?

La pubblicazione del bando è avvenuta il 28 luglio 2017 e la scadenza è il 31 ottobre 2017.

Per informazioni è possibile chiamare il numero verde 803 164 (da telefoni fissi) numero 06 164164 (da telefoni cellulari).

Gli interessati, prima di procedere alla compilazione della domanda telematica, devono risultare iscritti in un’apposita banca dati; chi non è ancora iscritto deve accedere al sito web dell’Inps e richiedere necessario il «Pin dispositivo» (per sapere come fare è possibile consultare il nostro approfondimento Cos’è il Pin dispositivo Inps?).

Al momento della presentazione della domanda, il richiedente deve aver presentato la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) per la determinazione dell’ Isee ordinaria o Isee minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi (leggi Come calcolare l’Isee online e anche la nostra guida ISEE: cos’è, come funziona, come richiederlo. La guida completa), se in possesso delle condizioni indicate nella vigente normativa.

L’attestazione Isee riferita al nucleo familiare in cui compare il beneficiario è obbligatoria per determinare la posizione nella graduatoria. Dopo la pubblicazione del bando e la presentazione della domanda di partecipazione al concorso, ciascun partecipante alla selezione potrà visualizzare lo stato della pratica online all’interno dell’area riservata.

note

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI