Business | Articoli

Spesometro: la proroga è minima, ecco le date

3 Settembre 2017 | Autore:
Spesometro: la proroga è minima, ecco le date

Meno lungo del previsto il periodo di proroga concesso per lo Spesometro 2017: ecco quando scadono i termini.

La scadenza per la presentazione delle dichiarazioni relative allo Spesometro 2017 sarebbe dovuta cadere il prossimo 18 di settembre (il termine originario era difatti stato prorogato già sino a tale data). Ma il fatto che il governo avesse reso disponibili i softwares per la compilazione delle dichiarazioni soltanto a fine luglio, aveva generato in capo ai professionisti abilitati all’invio la speranza in un ulteriore prolungamento dei termini, che desse la possibilità di adeguarsi al funzionamento del sistema informatico.

Si sapeva che la proroga sarebbe stata concessa, ne abbiamo parlato anche nelle nostre pagine (si legga Spesometro: proroga in vista, ma problemi con il software), ma i termini di scadenza sono stati più brevi di quanto ci si attendesse.

Quando scadono i termini per lo Spesometro 2017? 

I termini per la presentazione dello Spesometro 2017 scadranno definitivamente il prossimo 28 settembre. Sono state disattese dunque le speranze dei professionisti che chiedevano che si potesse arrivare al 30 settembre, termine che avrebbe invece previsto un prolungamento ulteriore della scadenza sino al 2 ottobre (essendo il 30 un sabato).

Spesometro: problemi di gestione del software, cosa fare?

Come abbiamo avuto modo di rilevare, il software dedicato all’invio delle comunicazioni presenta ancora qualche problema. In particolare la gestione dei files o dei pacchetti di files di grandi dimensioni risulta essere complicata. Soprattutto se si deve operare per conto di grandi imprese, dunque, conviene «spacchettare» i files in più cartelle compresse, per facilitare la trasmissione.

Consigliamo in ogni caso di non ridursi all’ultimo giorno per effettuare l’invio.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube