Business | Articoli

Lavoro: chi cercano le aziende?

20 ottobre 2017


Lavoro: chi cercano le aziende?

> Business Pubblicato il 20 ottobre 2017



Quali figure professionali e quali competenze sono ricercate dalle aziende e dal mercato?

Quali lavori sono più richiesti dalle aziende? Quali le professioni più appetibili nel mercato del lavoro? Questi sono certamente gli interrogativi più frequenti di molti giovani che devono intraprendere un percorso di studi, o di chi ha bisogno di reinventarsi, di chi deve avviare una nuova sfida personale e professionale.

Il mercato del lavoro è cambiato

Tutti questi interrogativi e considerazioni, in primo luogo devono tener conto di alcune riflessioni: il mercato del lavoro è cambiato. Nel corso degli anni, soprattutto a causa della crisi economica, il mondo del lavoro ha subito profondi cambiamenti: trovare l’impiego della vita è sempre più raro ed è diventato sempre più difficile trovare una sistemazione stabile. Di contro, si sono sviluppate nuove forme di lavoro flessibile. Si parla sempre più frequentemente di smart working, di lavoro agile. Il lavoro cambia forma e viene meno la necessità di stare giornate intere inchiodati alla scrivania o in ufficio. Ciascun lavoratore può esprimere le proprie competenze alternando il lavoro da casa a quello in azienda.

Secondo delle indagini condotte da importanti agenzie del settore [1], nella top ten, dei lavori più ricercati spiccano:

  • esperti di finanza;
  • professionisti dell’It (Information technology) come ad esempio programmatori e sviluppatori di App per il mobile; 
  • operatori sanitari.

La tecnologia dell’informazione

La tecnologia dell’informazione (Information technology) è tra i settori con la più alta percentuale di sviluppo degli ultimi anni e, secondo alcune proiezioni, continuerà a crescere almeno fino al 2024. I posti di lavoro maggiormente disponibili sono certamente quelli non facilmente sostituibili dalla tecnologia. Rispetto al passato, però, le competenze richieste dalle aziende stanno diventando sempre più elevate.

Nel settore dell’It, uno dei lavori più richiesti, è sicuramente quello dell’It security manager, ossia un esperto di sicurezza web in grado di proteggere la privacy dei dati online, prevenendo gli attacchi degli hacker. A braccetto con questa figura professionale andrà anche quella del Dpo, Data protection officer, ossia il responsabile della protezione dei dati personali, che dal mese di maggio 2018 dovrà essere presente nelle aziende e presso gli uffici della Pubblica Amministrazione. Il Data protection officer è uno specialista che si occupa della conservazione dei dati e ne gestisce i rischi.

Buone prospettive di lavoro anche per i ruoli di Analista o del Business Intelligence Manager, la cui competenza di analisi dei dati è oggi molto richiesta. Si tratta di persone che hanno la capacità di leggere e interpretare grafici, dati e informazioni di qualsiasi genere, analizzandoli ed utilizzandoli, per poi risolvere i problemi dell’azienda per cui lavorano.

Altrettanto ricercata e importante è la figura del responsabile della logistica. Le competenze richieste per questo profilo sono numerose atteso che il responsabile della logistica ha il compito di gestire i flussi di beni e informazioni in entrata e in uscita, ma allo stesso tempo di rapportarsi con altri rami aziendali come la produzione, la vendita e la distribuzione.

Ovviamente è da dire che, purtroppo, il costo del lavoro in Italia è estremamente pesante per le imprese. Per questo viene affidato alle agenzie del lavoro il compito di trovare soluzioni che consentano di minimizzare più che mai quest’onere. Purtroppo, l’eccessivo costo del lavoro sta conducendo in molti casi ad un rovesciamento delle priorità: il risparmio di spesa a fronte di skills, competenze ed esperienze. Quindi si assiste sempre più di frequente a tirocini che in realtà sono veri e propri lavori subordinati, lavori accessori o occasionali pagati a voucher, turnover in prova praticamente infiniti, ricerche di figure senior però da inquadrare come apprendistato.

note

[1] Good Call e Manpower


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI