Business | Articoli

Dipendenti: in arrivo 580 euro di arretrati

29 Novembre 2017 | Autore:
Dipendenti: in arrivo 580 euro di arretrati

Per gli statali è in arrivo un aumento sullo stipendio pari, in media, a 580 euro di arretrati

Sullo stipendio dei dipendenti pubblici è in arrivo un aumento a titolo di arretrati. La somma pari, in media, a 580 euro circa sarà accreditata, con molta probabilità, sullo stipendio di gennaio 2018 ed andrà ad arricchire “una tantum” la busta paga dei dipendenti pubblici, che – come noto – vedono il loro stipendio bloccato dal 2010. Ebbene, il rinnovo dei contratti bloccati dal 2010 significherà anche l’arrivo del cosiddetto bonus arretrati per i dipendenti statali, i quali troveranno una “sorpresa” sul primo stipendio utile dopo la firma del rinnovo dei contratti. Per molti, tuttavia, più che di una sorpresa si tratta di una “magra consolazione”. Ciò in quanto la somma a titolo di arretrati non compensa i lunghi anni di blocco alla contrattazione, che darebbe diritto ad un risarcimento molto più cospicuo. Ma procediamo con ordine.  Vediamo, cos’è il bonus arretrati, cosa si intende per una tantum di arretrati e quale sarebbe, invece, il reale risarcimento spettante ai dipendenti pubblici per aver patito il blocco del loro stipendio.

Bonus arretrati: cos’è

Per comprendere in cosa consiste il bonus arretrati è necessario fare un passo indietro. Ed infatti, come anticipato, questo bonus è il frutto del rinnovo dei contratti del pubblico impiego “fermi” dal lontano 2010. Dopo anni, finalmente, si è in attesa del rinnovo contrattuale del pubblico impiego, che dovrebbe vedere la luce entro la fine del 2017. Questo rinnovo porta con sé degli incrementi retributivi per i dipendenti pubblici: lo scatto medio mensile sarà di 85 euro, al quale andrà aggiunta anche la cosiddetta una tantum per gli arretrati. Tale somma si spiega perché il rinnovo contrattuale del pubblico impiego è stato previsto su base triennale con decorrenza dal 2016. Quindi, oltre all’aumento stipendiale pari ad 85 euro in media, ogni dipendente avrà diritto a tutti gli arretrati, che verranno corrisposti in un’unica soluzione e, dunque, “una tantum” (per l’appunto). In sostanza, il cosiddetto bonus arretrati “una tantum altro non è che la somma derivante dagli scatti stipendiali dei dipendenti pubblici e spettante loro a titolo di arretrati relativi al biennio 2016/2017.

Bonus arretrati: a quanto ammonta

Al momento, resta da stabilire quando entrerà realmente in vigore il rinnovo dei contratti del pubblico impiego e a quanto ammonterà il bonus arretrati. Se prima si era parlato di un incremento una tantum pari a 450-500 euro circa (leggi sul punto: Dipendenti: in arrivo il “bonus arretrati” di 500 euro); secondo gli ultimi rumors e stando ai fondi attualmente disponibili, verrano elargiti circa 8,9 euro per le 13 mensilità del 2016 e circa 35,7 euro per le 13 mensilità  del 2017, per un totale dunque di 580 euro circa. Ovviamente, si tratta di un calcolo medio, così come medio sarà l’aumento di 85 euro che presto andrà ad incrementare lo stipendio dei dipendenti pubblici.

Stipendio statali bloccato e maxirisarcimento

Come anticipato, però, questo bonus “una tantum” a titolo di arretrati è ben poca cosa rispetto a quanto spetterebbe ai dipendenti che hanno patito per anni il blocco del loro stipendio. Sul punto, per saperne di più si rimanda alla lettura dei seguenti articoli: Stipendio statali bloccato: via al maxirisarcimentoBlocco stipendi: spetta risarcimento dal 2010.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

12 Commenti

    1. Penso di sì io sono nella stessa condizione loro pensano solo a fregare i dipendenti non cambia niente

  1. secondo me pure qui c’è l’inganno, aumenteranno lo stipendio di 85 euro e toglieranno il bonus di 80 per le retribuzioni più basse, così ci faranno una gran figura ma in realtà il nostro stipendio aumenterà di 5 euro.
    Quanto ci scommettete?!

  2. Comunque con 580 euro ci esce un bel po’ di tritolo…quasi quasi…un bel regalino per questo governo di ladri.

  3. e chi usufruiva degli 80 euro del governo renzi con questi arretrati perderà il bonus? Inoltre con l’ulteriore aumento di 80 euro circa del nuovo contratto chi stava nei limiti supererà la soglia e perderà gli 80 euro se fosse così di cosa stiamo parlando?

  4. sono pensionato da settembre 2017,volevo sapere se rientro anche io nel rinnovo contratto e relativi arretrati,e cosa dovrei fare visto che sono in pensione grazie.

  5. Oggi 24.12.017 purtroppo tutti questi commenti relativi al contratto con date di decorrenza e una tantum arretrati fanno parte delle tante e troppe bugie di questo Governo…sono riusciti ancora una volta a slittare i pagamenti nel prossimo Marzo 2018..a fine di questo anno scade di gia questo miserabile contratto dopo 10 anni di blocco…vergogna!!! Ci vorranno altri dieci anni per il prossimo contratto??? Proprio nel Marzo prossimo sapro chi andare a votare…

  6. In merito al contratto degli statali firmato come al solito non si comprende la decorrenza e gli importi dovuti èer le varie fasce retributive,

  7. Come volevasi dimostrare…
    non abbiamo visto nessuna una tantum nel mese di gennaio né tanto meno a febbraio. Anzi lo stipendio di febbraio è arretrato (altro che arretrati…) in misura consistente grazie ad una nuova trattenuta, questa sì una tantum, relativa ad un conguaglio fondo pensione (novità assoluta) che varia in misura proporzionale allo stipendio. Nel mio caso 130 euro in meno. Beffati per l’ennesima volta.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube