Business | Articoli

Bonus 80 euro 2018: i beneficiari

28 Dicembre 2017
Bonus 80 euro 2018: i beneficiari

Con la legge di stabilità 2018 aumentano i beneficiari degli 80 euro. Vediamo nel dettaglio le soglie di reddito per fruire del bonus

Con la pubblicazione della Legge di bilancio 2018 è stato confermato l’aumento in busta paga del bonus di 80 euro introdotto da Renzi per alcune categorie di lavoratori. Inoltre, la manovra ha aumentato la soglia di reddito per poterlo ottenere: da 24mila euro a 24.600 euro [1] e con la previsione della sua graduale decrescita in corrispondenza dell’aumentare del reddito, fino ad annullarsi del tutto in presenza di un reddito pari o superiore a 26.600 euro. Rimane fermo, invece, l’ammontare complessivo pari a 960 euro annui.

Dunque, fermo il diritto a percepire per intero il bonus di 80 euro (960 euro annui) per i redditi che vanno da 8.174 euro a 24.600 euro, la nuova legge di bilancio estende il diritto a percepire il bonus anche a coloro che hanno un reddito superiore a 26mila euro e fino a 26.600 euro. In particolare, gli aumenti in busta paga, relativi al bonus di 80 euro, vanno da 48 a 288 euro e riguarderanno coloro che hanno un reddito non superiore a 26.600 euro.

Bonus 80 euro: gli aumenti in concreto

Per comprendere in concreto cosa comporterà nella busta paga di ciascun lavoratore l’innalzamento delle soglie di reddito per la percezione del bonus di 80 euro per il 2018, facciamo degli esempi. Infatti, se si prende in considerazione un reddito compreso tra 24.100 euro e 26.600 euro, queste saranno in concreto le cifre degli incrementi annuali di cui beneficeranno i lavoratori nel 2018:

  • con 24.100 euro di reddito complessivo, mentre nel 2017 il lavoratore riceveva 912 euro, nel 2018 percepirà 960 euro, con un incremento annuale di 48 euro;
  • con 24.500 euro di reddito complessivo, mentre nel 2017 il lavoratore riceveva 720 euro, nel 2018 percepirà 960 euro, con un incremento annuale di 240 euro;
  • con 25.000 euro di reddito complessivo, mentre nel 2017 il lavoratore riceveva 480, nel 2018 percepirà 768 euro, con un incremento annuale di 288 euro;
  • con 25.500 euro di reddito complessivo, mentre nel 2017 il lavoratore riceveva 240 euro, nel 2018 percepirà 528 euro, con un incremento annuale di 288 euro;
  • con 26.100 euro di reddito complessivo, mentre nel 2017 il lavoratore riceveva 0 euro, nel 2018 percepirà 240 euro, con un incremento annuale di 240 euro;
  • con 26.500 euro di reddito complessivo, mentre nel 2017 il lavoratore riceveva 0 euro, nel 2018 percepirà 48 euro, con un incremento annuale di 48 euro.

Gli importi descritti si riferiscono ad un rapporto di lavoro che dura per tutto l’anno 2018, quindi 365 giorni di lavoro. Dai dati riportati, inoltre, si evince chiaramente come i lavoratori con reddito complessivo tra i 24.500 ed i 25mila euro riceveranno un aumento annuale più consistente per via della variazione dei limiti minimi e massimi. Oltre ovviamente all’estensione del beneficio ai lavoratori che superano i 26mila euro di reddito annui. Tuttavia è bene precisare che per reddito complessivo ai fini del diritto al bonus, si intende il reddito imponibile fiscale ai fini Irpef: ne consegue che le soglie di reddito non fanno riferimento solo al reddito da lavoro dipendente, ma anche alle altre tipologie di reddito riferibili al lavoratore.


note

[1] art. 13 comma 1 -ter, del Tuir.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube