Business | Articoli

Nascono le “farmacie dei servizi”: piccoli nuovi ospedali

25 Marzo 2013 | Autore:
Nascono le “farmacie dei servizi”: piccoli nuovi ospedali

Pagamento dei ticket, analisi e ritiro referti, assistenza specialistica, fisioterapia: ecco tutti i nuovi servizi che potranno erogare le farmacie e i requisiti per poterli svolgere.

Le farmacie diventeranno dei centri multi servizi, in cui sarà possibile pagare ticket, ritirare referti, prenotare prestazioni di assistenza specialistica nelle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate, fare prelievi di sangue o plasma, ricevere assistenza domiciliare, dare servizi ai singoli assistiti (iniezioni, prestazioni infermieristiche, medicazioni). Si potranno addirittura svolgere attività di fisioterapia.

Nella Gazzetta Ufficiale [1] sono stati pubblicati i requisiti che regolano l’attivazione dei nuovi servizi erogati presso le farmacie pubbliche e private inserite nel Servizio sanitario nazionale.

 

Le farmacie comunali avranno la possibilità di fornire tali nuovi servizi solo se:

– rispetteranno le indicazioni dei piani socio-sanitari regionali;

– daranno la preventiva comunicazione di erogare i servizi all’azienda sanitaria territorialmente competente;

– osserveranno le norme vigenti sul patto di stabilità relativi agli enti locali senza produrre nuovi costi per la finanza pubblica e senza incrementi di personale;

– aderiranno alle iniziative di collaborazione interprofessionale con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta.

La gestione delle farmacie, pubbliche o private, deve inoltre dare evidenza di una gestione contabile positiva negli ultimi due esercizi finanziari.

Per le farmacie gestite mediante azienda speciale, società, consorzi tra Comuni, la possibilità di erogare i nuovi servizi è subordinata alla condizione che la gestione non abbia registrato perdite progressive negli ultimi tre anni di bilancio.
In questo modo la farmacia può diventare un buon modo per assolvere quelle funzioni socio-assistenziali che rispondono a bisogni di una parte sempre più ampia della popolazione: si pensi agli anziani, alle famiglie, alle mamme che cercano un punto di riferimento, una risposta veloce, un’assistenza immediata.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube